martedì, 7 Luglio 2020

Arte e Cultura, Romanzi fantasy

Caccia all’assassino, tra presenze oscure ed esoterismo

Gli occhi invisibili del destino” vi catapulterà in un’avventura surreale dai toni cupi.

Salve a tutti e a tutte, oggi parlerò dell’ultimo libro scritto da Silvia Casini, autrice del libro Di Magia e di Vento , Il gusto speziato dell’amore e di Tutto in una notte, ovvero Gli occhi invisibili del destino.

Eilis Rush ha occhi molto particolari: verdi, striati di grigio, giallo e blu notte, ma soprattutto nascondono un segreto. Lei è una giovane studentessa diciassettenne che, dopo un incidente automobilistico, dove i suoi genitori hanno perso la vita, dall’America è venuta a vivere a Roma. Va a stare da sua zia Clara che gestisce il negozio esoterico “Filincanto”.



Eilis ha un’amnesia parziale a causa del trauma subito e non riesce a ricordare molti dettagli del suo passato, in compenso ha strane e inquietanti percezioni, così sua zia la porta da uno psichiatra. In sala d’attesa, Eilis legge su un giornale che a piazza Barberini, nella fontana del Tritone, è stato rinvenuto il cadavere di una donna
.

Inizia così una strana e straordinaria avventura che la vede collaborare con Luca Marra, giovane poliziotto, per scoprire cosa si cela dietro una misteriosa serie di delitti dalle connotazioni esoteriche e, al tempo stesso, conoscere la verità sulla propria storia e sulla morte dei suoi genitori.


56173289 2342860499310495 7960873242078478336 n - Caccia all'assassino, tra presenze oscure ed esoterismo

Avendo già letto due romanzi di Silvia Casini, posso dire che la scrittrice ha mantenuto lo stile poetico che caratterizzava le storie precedenti. Le atmosfere del libro sono un incrocio tra Dan Brown, Alice Nel Paese Delle Meraviglie (più che altro perché alcune scene sono un po’ psichedeliche) e direi anche un po’ Suspiria.

Eilis è una ragazza dal carattere schivo e sognante che, soffrendo di amnesia, si può aggrappare solo alla zia Clara, unico anello del suo passato, e al misterioso Mister Fumo, un’entità benigna che pare farle da mentore.

La ragazza infatti ha un dono particolare: riesce a percepire spiriti, fantasmi e presenze malefiche. I suoi occhi, vero elemento su cui gira attorno la trama, sono una finestra verso il mondo invisibile. Contando il fatto che a volte Eilis associa elementi fantastici per descrivere le persone, in certe scene non sapremo dove inizia la fantasia di Eilis e dove finisca il suo potere.

Luca è un personaggio ben caratterizzato, mi è parso una persona che si è creata un guscio protettivo da ogni legame emotivo, a causa del trauma subito da piccolo. La boxe è lo sport che lo unisce ad Eilis in quanto entrambi i personaggi sono tenaci nel perseguire i loro obiettivi.

Anche Giulio è ben rappresentato, un individuo straziato dalle proprie maschere, dal lutto e dalle donne. L’ho percepito come un personaggio tragico in quanto i suoi stessi demoni sono la causa del suo problema.

Ho notato che nei libri di Silvia Casini è presente un personaggio “sognatore” o “strampalato”: in questo romanzo è la zia di Eilis, Clara, in Di Magia e Di Vento erano le parenti della protagonista. Insomma, sembra un una specie di firma dell’autrice.

Ammetto che la storia d’amore era un po’ scontata e la considero “particolare” perché Eilis si mette con un ragazzo di massimo sei anni più grandi di lei, ma la giovane è sul procinto di compiere diciotto anni e la relazione è consenziente. Dunque considero il loro caso particolare proprio per questo.

Il secondo tema che ho percepito è lo scontro la realtà e mondo spirituale, tra fantasia e quotidiano. Non a caso il negozio della zia offre dei prodotti naturali con etichette fantastiche, gli stessi prodotti che noi potremmo trovare al Salone del Libro o al Comics. Questo è un modo per farci sognare, senza però confondere realtà con fantasia.

Nonostante sia presentato come un Paranormal Romance, a mio parere il libro è più un thiller fantastico. L’elemento centrale del romanzo non è la storia d’amore, ma le indagini riguardanti gli omicidi e il passato di Eilis. Mano a mano che ci si avvicina al finale, le atmosfere si tingono di nero e durante la lettura ho percepito un clima soffocante.

Inolte grazie al libro ho potuto imparare alcuni termini tipici di tale sport.


In conclusione, il romanzo a parer mio è un thriller ben scritto, che mescola elementi esoterici, paranormali e realistici, in una corsa contro il tempo per salvare vite umane.

  Articolo precedente

Arte e Cultura

Un interessante progetto musicale ideato da Yoko Kanno, che la vede esibirsi nella vasca da bagno

Scritto da Luca Brajato

Articolo successivo  

Arte e Cultura, Fumetti, Fumetti italiani

Vulcania: quando lo steampunk incontra il magma

Scritto da Debora Parisi

Debora Parisi
Debora Parisi è una studentessa universitaria di giorno e cacciatrice di leggende e mitologie di notte. Da bambina arriva finalista al concorso Anna Bolero, diretto dall'Associazione Culturale Arcizeta di Chivasso. Nel 2019 ha pubblicato racconti per Historica Edizioni, NPS edizioni, Fanucci e Mezzelane Editrice. Gestisce un blog chiamato El micio racconta, un canale youtube intitolato Antro del Drago, che tratta di diversi argomenti, tra cui recensioni di libri, film e videogiochi. Collabora anche con le riviste Upside Down Magazine e Porto Intergalattico, ha collaborato anche con Sci-Fi Pop Culture e Spazio Penultima Frontiera.

Send this to a friend