martedì, 14 Luglio 2020

Arte e Cultura

Solidarità tra popolazioni cimbre e she

Un esempio che dovremmo seguire

Dopo notizie di conflitti e sommosse, ho letto una splendida novella. Ventimila mascherine sono state spedite dalla Cina per la Lessinia e verranno sdoganate e consegnate ad associazioni, case di riposo ecc.

Sono un dono della comunità She, un gruppo di minoranza etnica che occupa le montagne a sud della provincia dello Zhejiang.


Tutto è nato grazie al gemellaggio tra Verona e Hanghzou. Il presidente dell’università Zhejiang di Hanghzou, Zhang Libin, ha scoperto l’esistenza dei Cimbri e ha fatto notato le forti somiglianze con la comunità montana degli She, una delle 56 ufficialmente riconosciute dalla Repubblica popolare.

Questo pensiero è molto interessante perché dimostra che, nonostante le diverse locazioni geografiche, ci possono essere delle somiglianze.


Ufficialmente, I cimbri sono una minoranza etnica discendenti dagli immigrati tedeschi inviati dai feudatari imperiali tra il X ed il XII secolo a popolare l’Altipiano di Asiago, e qui impiegati in lavori di stroncatura dei boschi (dalla cui parola tedesca deriverebbe il nome “cimbri”) e quindi di allevamento ed agricoltura.

Un’ipotesi teorizza che tale etnia possa discendere dai cimbri antichi, una popolazione nomade germanica che si diffuse in tutta Europa.

Fu coinvolta in una della più importanti guerre affrontate dalla Repubblica Romana, seconda solo a quelle puniche. Purtroppo furono sconfitti e quasi sterminati.

L’invasione cimbra e Teutonica mise in grave difficoltà la Repubblica. Tali popoli si insediarono in altre regioni, come la Gallia e l’attuale Germania.

Secondo tale tesi, i cimbri attuali possono essere discendenti dei cimbri insediati in Germania, che poi si mescolarono coi popoli locali, per poi emigrare durante il medioevo in Italia.

Cimbri Romani - Solidarità tra popolazioni cimbre e she

Qualsiasi sia la loro ascendenza, sono una minoranza etnica e linguistica che rischia di scomparire. Attualmente le località cimbre comprendono i Tredici Comuni della Lessinia e i Sette Comuni vicino a Vicenza.

cimbri - Solidarità tra popolazioni cimbre e she

Gli She sono una comunità montana con una storia di migrazioni. Anticamente erano chiamati Hsiamin e la loro struttura linguistica suggerisce un legame con il popolo Yue, da cui discendono il popoli Yao e Miao.

La musica è tema centrale della loro cultura e ricopre ruoli legati a rituali, dichiarazioni e feste.

Inoltre hanno una ricca storia legata all’artigianato, soprattutto legata al ricamo, e molto di loro seguono una religione politeista dove gli antenati hanno un ruolo importante.

Insomma, nonostante le differenze giografiche e culturali, il passato di popolo migratore e montano e la situazione di minoranza etnica li ha avvicinati.

Roberto Bianconi, esperto di internazionalizzazione di imprese e conoscitore della Cina, e il consigliere regionale cimbro Stefano Valdegamberi, avevano avviato un programma di scambi economici e culturali con la città cinese. Tale progetto però fu troncato con la recente esplosione dell’epidemia.

Gli She però hanno mostrato solidarietà ai cimbri, e nel marzo scorso inviarono mascherine a tre veli di tipo 2 e chiesto di organizzare una mostra di artisti veronesi all’interno della loro grande festa annuale, coinvolgendo l’artista He Shuifa, originario del luogo, Roberto Bianconi e la collega cinese Mingwei Peng.

La popolazione cimbra e veronese si è dimostrata a contraccambiare una volta che la crisi pandemica sarà finita.

Insomma, una bella iniziativa che mette in risalto punti in comune di due civilità in apparenza diverse.

Le mascherine attualmente sono trattenute dalla dogana per motivi burocratici, ma si pensa di riuscire a sistemare la faccenda.


Forse dovremmo imparare da loro per cercare un dialogo e una comunione. In fonto tutto mondo è paese.

  Articolo precedente

Arte e Cultura

Homus imbecillus: lo xenofobo

Scritto da Debora Parisi

Articolo successivo  

Arte e Cultura, Videogiochi

Videogiochi: scontro Pd e 5 stelle

Scritto da Debora Parisi

Debora Parisi
Debora Parisi è una studentessa universitaria di giorno e cacciatrice di leggende e mitologie di notte. Da bambina arriva finalista al concorso Anna Bolero, diretto dall'Associazione Culturale Arcizeta di Chivasso. Nel 2019 ha pubblicato racconti per Historica Edizioni, NPS edizioni, Fanucci e Mezzelane Editrice. Gestisce un blog chiamato El micio racconta, un canale youtube intitolato Antro del Drago, che tratta di diversi argomenti, tra cui recensioni di libri, film e videogiochi. Collabora anche con le riviste Upside Down Magazine e Porto Intergalattico, ha collaborato anche con Sci-Fi Pop Culture e Spazio Penultima Frontiera.

Send this to a friend