venerdì, 19 Luglio 2019

Film, Film e Serie TV

Disney e la sirenetta politically correct

La cantante americana Halle Bailey presterà il volto ad Ariel

Nuove notizie in casa Disney, che sta in questo periodo proponendo i suoi classici in una versione inedita al cinema, con i personaggi non più animati ma interpretati da attori in carne ed ossa.

Certo, come per tutto ci sono gli esperimenti più e quelli meno riusciti, si sa. Ma per chi è cresciuto con determinate figure animate la ricerca della fedeltà assoluta è requisito essenziale che contribuisce alla buona riuscita del prodotto.


Proprio di questo aspetto vorrei parlarvi, in relazione all’ultimo prodotto in casa Disney. Ed ecco che dopo un’Ursula probabilmente molto azzeccata, di cui vi ho parlato in questo articolo, per la protagonista la sorte non esattamente la stessa.

96CD4B61 D4A2 4F19 92BA 99160F965709 - Disney e la sirenetta politically correct

Pare che sia stata scelta la cantante Halle Bailey, mai sentita nominare in vita mia. Ma non è questo il punto. Perché scegliere un’interprete tanto diversa dall’originale? Ariel è molto chiara, con i capelli rosso fuoco. Politically correct anche lei, per accontentare un po’ le bimbe rosse che quando giocavano alle principesse non sapevano mai chi interpretare.


E invece Disney ha voluto un’interprete con la pelle scura, che non assomiglia nemmeno vagamente al disegno di Ariel, anche se una principessa nera l’aveva già creata ben 10 anni fa, Tiana con il suo bel ranocchio verde. Perché non tenersi la bella Halle per interpretare quest’ultima e trovare una sirenetta più in linea con i nostri ricordi?


  Articolo precedente

Film, Film e Serie TV, Serie TV

Il terrore torna su Netflix: un serie remake di Ju-On è prevista per l’anno prossimo

Scritto da Mirko Midili

Articolo successivo  

Film e Serie TV

I robottoni di Pacific Rim stanno tornando su Netflix, ma con una inaspettata serie animata

Scritto da Mirko Midili

Send this to a friend