martedì, 24 Novembre 2020

Film, Film e Serie TV

Earwig and The Witch, un film firmato Studio Ghibli in animazione 3D

Una scelta di animazione che si discosta di molto dal classico stile in 2D che caratterizza i capolavori dello Studio Ghibli

I film dello Studio Ghibli sono solitamente caratterizzati da un’animazione in 2D, tavolozza di colori tonalità pastello e un tratto di disegno delicato e tenue. Uno stile questo che è riuscito ad incantare la maggioranza dei fan e del pubblico. Uno stile unico ed inimitabile.

C’è però sul fronte una novità, che da fan, mi ha un po’ sconcertato. Un film firmato Studio Ghibli in grafica 3D CG (computer grafica 3D).
Proprio oggi Studio Ghibli in collaborazione con la stazione televisiva NHK ha rilasciato le prime immagini provenienti appunto dal loro primo film in 3D CG, con data di uscita prevista per fine anno. Il titolo dell’opera, diretta da Goro Miyazaki, figlio dell’iconico fondatore dello Studio Ghibli, Hayao, è Earwig and the Witch (Aya to Majo in giapponese e Earwig e la strega in italiano). Ispirato al romanzo fantasy omonimo scritto da Diana Wynne Jones nel 2011. Su Amazon lo trovate al prezzo di 9,50€.


P.S. Le immagini che trovate nell’articolo sono alcune di quelle rilasciate.

earwig poster - Earwig and The Witch, un film firmato Studio Ghibli in animazione 3D

Partiamo dal capire di cosa tratterà il film, che rispecchierà alquanto fedelmente l’opera scritta. Il publisher del libro, la HarperCollins ci racconta: “Non tutti gli orfani amano vivere nell’orfanotrofio di St.Morwald, ma a Earwig piace. Ottiene sempre quello che vuole, quando vuole ed è così da quanto è stata abbandonata davanti all’entrata della struttura, ancora in fasce. Ma tutto cambia quando un giorno Bella, Yaga e Mandrake arrivano al St. Morwald, cammuffati da genitori adottivi. Earwig viene così portata nella loro misteriosa abitazione, piena di stanze invisibili, pozioni, libri di incantesimi e magia nascosta dietro ogni angolo. La maggioranza dei bambini scapperebbe impaurita da un posto del genere…ma non Earwig. Usando la sua intelligenza – e l’aiuto da parte di un gatto parlante – Earwig decide di dimostrare alla strega chi è il vero capo.”


Goro Miyazaki ci spiega la scelta di rappresentare questo particolare personaggio. Una ragazzina molto sicura di sè, senza paura di niente e tantomeno di confrontarsi apertamente con gli adulti, anche quelli più paurosi dal punto di vista di una bambina. Goro ha dichiarato che in questo periodo in Giappone è presente una popolazione maggiormente composta da adulti, piuttosto che da bambini (a causa della maggiore aspettativa di vita e l’abbassamento del tasso di nascite). Quando ha incontrato il personaggio di Earwig stava riflettendo proprio su questo. Per questo ha realizzato che sarebbe stato ideale, in tempi come questi, rappresentare questo preciso personaggio: una bambina in grado di gestire adulti problematici.

2 c0558 t1 0072.jpg - Earwig and The Witch, un film firmato Studio Ghibli in animazione 3D
Kiki – Consegne a domicilio realness

La speranza di Goro per questo film è molto semplice: “spero dal profondo del mio cuore che la nostra sfacciata, quanto carina Earwig possa rallegrare adulti e bambini.

La pellicola avrà una durata di circa 82 minuti. Miyazaki junior è addetto alla direzione del film, mentre suo padre ha lavorato alla pianificazione e allo sviluppo. L’altro fondatore dello Studio Ghibli, amico e collega di Hayao, Toshio Susuki è invece il produttore. Wild Bunch International, azienda francese esporterà il film a livello internazionale. Grazie Francia, per una volta.

Il personaggio di Earwig, con questa immensa dose di sfacciataggine e unicità sembra decisamente interessante. Una ragazzina spumeggiante, che a primo impatto mi ricorda un po’ la Matilda di Matilda Sei Mitica. Un film che sembra suggerire un ritmo scanzonato, leggero e divertente. Insomma un buon prodotto, con la garanzia di Studio Ghibli.
Il grosso problema, per me, rimane l’animazione. Se io vedo un’animazione in 3D CG neanche lontanamente mi viene da ricondurla allo Studio Ghibli, si discosta troppo, infatti, dal suo tipo di stile classico e delicato. Senza contare il fatto che io non sono mai riuscito ad apprezzare l’animazione in 3D, soprattutto per i prodotti provenienti dal Sol Levante, per me infatti, non riesce a rispecchiare la loro essenza, poichè spesso provenienti da prodotti cartacei, i manga.

5 sq500 5003 v19 flattenimage.jpg - Earwig and The Witch, un film firmato Studio Ghibli in animazione 3D

Ormai la scelta è fatta, ovvio, il film sarà così, ma continuo a pensare che sia stata una scelta azzardata e che sicuramente non condivido. Chissà magari, una volta visto il film, riusciranno a farmi cambiare idea. Fino ad allora, rimango convinto della mia posizione.


Voi invece cosa ne pensate? Apprezzate questo cambio di rotta oppure avreste preferito un prodotto più classico?

  Articolo precedente

Arte e Cultura, Film, Film e Serie TV, Romanzi, Romanzi vario genere

Carlos Ruiz Zafon e Ian Holm: oggi ci lasciano due grandi artisti

Scritto da Andrea De Venuto

Articolo successivo  

Film e Serie TV, Recensioni Serie TV, Serie TV

La seconda stagione di Kipo: assolutamente da vedere

Scritto da Andrea De Venuto

Luca Brajato
Appassionato della psiche umana unisco questo mio interesse alle altre mie passioni: videogiochi, anime e manga. Sono uno scrittore in erba alla continua ricerca di ispirazione.

Send this to a friend