mercoledì, 21 Agosto 2019

Film e Serie TV, Serie TV

Ecco qualche piccola informazione su Luna Nera, nuova serie Netflix tutta italiana

Probabilmente questa è una delle serie tv più attese da tantissime persone qui in Italia, prese dalla curiosità o come me dalla speranza che effettivamente il nostro Paese possa sfornare contenuti di altissima qualità, anche di generi diversi da quelli a cui siamo ormai abituati.

Come sarà in termini qualitativi Luna Nera, nuova serie prodotta da Netflix Italia, non possiamo saperlo con certezza, ma se c’è qualcosa di certo è che sarà sicuramente interessante. Già solo dalle poche immagini mostrate sembra che non sarà “troppo italiana“, ma bensì pare essere bellissima sotto alcuni aspetti, o almeno sembra promettere davvero bene.


Uno di questi è sicuramente la trama. Ambientata nel XVII secolo, la storia sarà incentrata su alcune donne accusate di stregoneria, costrette a difendersi da un popolo inferocito tipico di quel periodo storico. Le ambientazioni e queste vicende, correlate ad un periodo della storia barbaro ma affascinante ha subito incuriosito subito i fan, ed ha momentaneamente convinto anche me, che non vedo l’ora dell’uscita dell’opera su Netflix.


Di prodotti di qualità creati in Italia ne abbiamo visti davvero pochi ultimamente, sopratutto simili al genere di questa serie tv. Per quello la speranza che sia ben fatta è tanta, voglio vedere cose come si deve e non per forza thriller o simili. L’opera sarà tutta al femminile. A crearla infatti saranno varie registe e scrittrici, impegnate a portare qualcosa di realmente coinvolgente che riesca a convincere tutti. Non si hanno ancora notizie certe sul cast (tranne i volti visti nelle immagini rilasciate da poco) o sull’uscita, ma a quanto pare la potremo vedere nel corso del 2020.


  Articolo precedente

Film, Film e Serie TV

Ecco il primo atteso trailer di King’s Man, prequel di Kingsman

Scritto da Mirko Midili

Articolo successivo  

Film, Film e Serie TV

Il prossimo agente 007 sarà una donna? Io spero di sì.

Scritto da Luca Brajato

Send this to a friend