venerdì, 22 Novembre 2019

Anime, Film e Serie TV, Fumetti, Manga

Fullmetal Alchemist Brotherhood: Envy, la parte più umana dell’invidia

Un introspezione su uno dei personaggi più affascinanti dell’intera opera

Fullmetal Alchemist è un manga scritto e disegnato da Hiromu Arakawa, edito in Italia grazie a Planet Manga.

Dal manga hanno tratto una trasposizione animata omonima nel 2003. Quest’anime però differiva in molte cose rispetto alla sua fonte di ispirazione, per questo motivo hanno creato un ulteriore anime nel 2009 intitolato: Fullmetal Alchemist Brotherhood. Quest’ultimo è fedele al manga in ogni sua parte.


MV5BZmEzN2YzOTItMDI5MS00MGU4LWI1NWQtOTg5ZThhNGQwYTEzXkEyXkFqcGdeQXVyNTA4NzY1MzY@. V1 - Fullmetal Alchemist Brotherhood: Envy, la parte più umana dell’invidia
Immagine di copertina dell’anime in cui sono rappresentati i due protagonisti, Edward in primo piano e Alphonse dietro di lui.

Parliamo ora della trama dell’opera. I protagonisti sono due fratelli Edward ed Alphonse Elric, cresciuti senza un padre, poichè quest’ultimo li ha abbandonati quando i due erano piccoli. Pochi anni dopo l’abbandono del padre la loro madre Trisha muore a causa di una malattia. I fratelli allora provano a riportare in vita la madre grazie all’alchimia. I due erano sempre stati affascinati da tale disciplina e avevano qualche studio alle spalle, ma ciò non è bastato, poiché molto più di una cosa va storta nel loro disperato tentativo di riportarla in vita.

Gli Homunculus arrivano poco più avanti nella storia e sono i nemici principali dei due ragazzi. Ognuno di questi rappresenta uno dei 7  peccati capitali: ira, avarizia, invidia, superbia, gola, accidia, lussuria.


Oggi ci concentreremo sull’homunculus che rappresenta l’invidia: Envy.

Se noterete bene, il mio avatar, la mia immagine profilo su questo sito è proprio Envy, uno dei miei personaggi preferiti in assoluto nel panorama dell’animazione giapponese.

200px Envy - Fullmetal Alchemist Brotherhood: Envy, la parte più umana dell’invidia
Envy nell’anime

Ogni homunculus ha un proprio diciamo superpotere. La capacità speciale di Envy è quella di poter cambiare il suo corpo a proprio piacimento, può infatti prendere le sembianze di qualsiasi persona o essere lui voglia. Ed è così che inganna e tesse la sua trama di uccisioni. La sua forma  base però, cioè quella che usa per presentarsi agli altri e davanti ai suoi “amici” homunculus è quella di una persona androgina, dai capelli lunghi e verdi. Anche se poi in realtà la sua reale forma è ben lontana da essere “giovane e carina” come Envy definisce il suo aspetto principale.

Parlando del suo essere androgino, questa è un’altra delle caratteristiche che lo rendono molto affascinante davanti ai miei occhi. L’autore infatti ha deciso che Envy non è né un maschio, né una femmina, è entrambi o nessuno in dipendenza da chi lo guarda.

5d4470d1a28426cbd87b4ca7296af6da - Fullmetal Alchemist Brotherhood: Envy, la parte più umana dell’invidia
Envy nel manga

Cos’altro possiamo dire di lui? Non troppe cose. Per capire di che pasta è fatto infatti bastano poche e semplici parole, caratteristiche che lo descrivono nel miglior modo possibile: egoista, meschino, per nulla empatico, cattivo e pieno di sè. Questo è Envy, niente di più, niente di meno.

In tutto il corso dell’opera non fa altro che ripetere quanto si diverta nel causare sofferenza agli altri, in particolare agli esseri umani. Li considera infatti degli esseri inferiori, deboli, egoisti, cinici ed incapaci di coalizzarsi per il bene comune, Envy li considera alla stregua di vermi.

tumblr n7ytchgh571s0c1pdo2 250 - Fullmetal Alchemist Brotherhood: Envy, la parte più umana dell’invidia

Questo a grandi linee è Envy. A questo punto immagino che tutti vi starete chiedendo come faccia a piacermi un personaggio tanto fastidioso e irritante, perché credetemi, lo è molto. Quando infatti pensi che sia arrivato al limite della sua fastidiosità ecco che lo diventa ancora di più, ancora e ancora, sempre di più. Ma nonostante questo sono convinto che anche voi arrivati alla fine dei giochi lo amerete quanto me.

La vera essenza di Envy non viene mai fuori fino alla fine, soltanto infatti negli ultimi episodi capiamo chi è davvero il nostro caro homunculus e tutti i perché che lo hanno portato a comportarsi in quei modi tanto spregevoli.

Si scopre che l’homunculus è più umano che mai, con le sue paure ma soprattutto la sua invidia.

tumblr ocpc0kVhMg1s75rhio1 r1 400 - Fullmetal Alchemist Brotherhood: Envy, la parte più umana dell’invidia
Una fanart dell’homuculus

Nonostante tutto anche nelle battute finali non si potrà mai perdonare Envy per tutti i suoi crimini, ma sicuramente si proverà tanta pietà per lui/lei. Anche se con tutte le forze proveremo ad odiarlo per tutto il male che ha fatto, non ci riusciremo o almeno io non ci sono sicuramente riuscito.

Envy è un personaggio molto sfaccettato, la sua cattiveria non è tutto ciò che lo rappresenta, anche se in tutto il corso dell’anime questo è quello che vogliono farci credere. Il suo cinismo e la sua cattiveria sono spinti da motivi, non sicuramente giustificabili ma comprensibili, che probabilmente a volte spingono anche noi, magari senza accorgercene.

Gli homunculus sono le personificazioni dei 7 nostri più grandi difetti, difetti che ci corrodono e ci distruggono piano piano dall’interno. Envy non è sicuramente esente da ciò, il suo carattere viene plasmato interamente sulla base del suo difetto più grande: l’invidia. Lui/lei è tutto ciò che diventeremmo se non avessimo le forze di superare le nostre debolezze, se non avessimo persone accanto che ci amano e ci vogliono bene e che ci ricordano quanto valga ciò che abbiamo. Envy non ha nulla di tutto ciò, non ha nessuno e non può fermare questo lento declino che lo attende, da solo/a non riesce quindi ad affrontare le sue debolezze, nascondendole dietro ad una facciata di cinismo e cattiveria.

dESs9nw24IhkmpdVQ7VCt zNHY7gZk5xW1Brz4lYzRQ.jpg?width=1200&height=628 - Fullmetal Alchemist Brotherhood: Envy, la parte più umana dell’invidia
Envy mentre si trasforma

Il motivo per cui da così tanto tempo adoro questo personaggio è molto semplice, io lo comprendo, lo capisco e lo compatisco. Capisco perfettamente i suoi motivi perchè, mi rivedo in lui/lei in qualche sua parte. Per un periodo l’invidia mi ha consumato e mi stava corrodendo piano piano, ma sono cambiato (e non potete immaginare quanto), ho trovato persone capaci di starmi accanto e sono diventato ciò che sono oggi. Envy purtroppo non ha avuto questa fortuna.

Si dice che odio e amore siano facce della stessa medaglia e mai più che in questa situazione questo detto è risultato vero.

PARTE SPOILER!!!

Per farvi capire del tutto il personaggio di Envy devo per forza di cose parlarvi di un episodio in particolare, praticamente uno degli ultimi. Da qui quindi ci sarà una parte spoiler.

In questo particolare episodio Envy si trasforma, grazie alla sua capacità, nel colonnello Mustang, uno dei personaggi importanti della serie. La sua trasformazione viene però scoperta e il vero colonnello Mustang lo martoria fino quasi ad ucciderlo. Facendo ciò la vera forma di Envy viene fuori: un piccolo essere verde simile ad una lucertola.

Con l’arrivo di Edward la piccola lucertola è salva, poichè quest’ultimo ferma Mustang dall’intento di ucciderla.

images?q=tbn:ANd9GcRUusXi7nP 7bMkmDALlXZaJu3iQTf4d OFM5P2IA45 MpbNWYqiQ - Fullmetal Alchemist Brotherhood: Envy, la parte più umana dell’invidia
La reale forma di Envy

Dopo qualche conversazione tra i protagonisti ecco che l’homunculus prende parola e come ha sempre fatto prova a portare tutti gli esseri umani nella stanza a mettersi l’uno contro l’altro. Rivanga nel passato dando a tutti una motivazione per vendicarsi della persona che sta al loro fianco ma nessuno fa nulla. Envy rimane spiazzato e inizia a piangere confuso e disperato, poiché era da sempre stato convinto (o meglio si era convinto, per mettersi in pace con se stesso) che gli uomini sono istintivi e stupidi ed incapaci di creare legami.

Vedendo ciò Edward si rende conto della verità: Envy è invidioso degli esseri umani. Il suo odio profondo per questa razza, il fatto di considerarli inferiori era dovuto soltanto alla sua invidia. Lui/lei li disprezza perché in realtà vorrebbe essere come loro ma non riesce ad esserlo. Non riesce ad accettare che gli umani siano meglio di lui/lei.

Envy sopravvive solo grazie alla sua convinzione che gli esseri umani siano peggiori e nel momento in cui si rende conto che non è così, la sua vita si sgretola davanti ai suoi occhi. Non sa più cosa fare, cosa dire, è confuso, ma continua a persistere nel suo orgoglio e nelle sue convinzioni negando l’affermazione di Edward: “Dannazione! Dannazione! Dannazione! Sono stato umiliato! UMILIATO! Io, Envy, geloso di te? Un umano?! Sono un Homunculus! Come potrebbe un ragazzino come te, capirmi? Questa è l’ultima umiliazione!

La scena della morte di Envy

E pur di negare questa evidenza, in ultimo Envy si suicida strappando da dentro di sé la pietra filosofale che lo tiene in vita.


Ecco perchè amo Envy, una persona che si convince di essere forte e impenetrabile, per compensare una debolezza di fondo. Un essere che disprezza tutto ciò di cui è geloso per riuscire a sopportare la sua martellante e distruttiva gelosia.

  Articolo precedente

Film, Film e Serie TV

Shazam contro capitan Marvel, perché questo astio?

Scritto da Gerardo Attanasio

Articolo successivo  

Film, Film e Serie TV

Nanni Moretti, indizi sul suo nuovo film

Scritto da Gerardo Attanasio

Luca Brajato
Appassionato della psiche umana unisco questo mio interesse alle altre mie passioni: videogiochi, anime e manga. Sono uno scrittore in erba alla continua ricerca di ispirazione.

Send this to a friend