domenica, 18 Agosto 2019

Film e Serie TV, Recensioni Serie TV, Serie TV

Games of Thrones 8: Ecco come una ottima serie viene rovinata dalla stagione finale

Andiamo velocemente ad analizzare le puntate dell’ultima stagione per capire cosa non va, attenzione agli spoiler!

Una stagione strana, questa. Una stagione che non è piaciuta praticamente a nessuno, anche se qualcuno ha provato con tutto se stesso a difenderla il più possibile. Anche io in realtà ci ho provato, anche se la delusione già portata dalla settima stagione era tanta, troppa. Però arrivati ad un certo non si può più difendere, troppe cose non vanno bene, e adesso andrò a illustrare alcune di queste cose, episodio per episodio.

Game of thrones winterfell recensione serie tv 960x448 - Games of Thrones 8: Ecco come una ottima serie viene rovinata dalla stagione finale

La prima puntata è stata talmente inutile che ne ricordo ben poco. Jon e Daenerys che flirtano, Sansa che appena vede la Khalesi già la odia a morte, Cersei che trama contro i nemici e va a letto con Euron e per il resto quasi nulla di speciale.
Daenerys incontra Sam con l’intento di ringraziarlo per aver salvato Jorah e senza tatto gli dice di avergli ammazzato il padre e il fratello. Subito dopo finalmente Sam rivela a Jon la sua vera natura, che forse era ora di dirla sta cosa. La scena sicuramente più toccante è l’incontro fra Jon e Arya, scene così mi emozionano sempre.


GoT S8 E2 0905 1 960x540 - Games of Thrones 8: Ecco come una ottima serie viene rovinata dalla stagione finale

La seconda invece, a mio parere è forse la migliore della stagione. Quella calma che viene fatta vivere anche allo spettatore in cui tutti si apprestano ad affrontare la morte faccia a faccia è azzeccatissima, ti senti proprio parte della vita dei personaggi, in modo quasi magico. Una delle scene più toccanti è proprio durante un momento di bevuto, in cui Jaime appena arrivato a dare una mano rende ufficialmente Brienne un cavaliere, realizzando il sogno di quest’ultima. Jon rivela alla madre dei draghi chi è veramente e lei si preoccupa per il trono e diciamocelo, ci sta anche da un lato, ma solo da un lato. E non dimentichiamoci la cosa più traumatizzante della puntata, ossia Arya che fa sesso, scena che ha fatto esplodere letteralmente molti fan. E alla fine, arrivano i nemici.

xgame of thrones 8 battaglia 1024x576.jpg.pagespeed.ic .0QB6kworYK 960x540 - Games of Thrones 8: Ecco come una ottima serie viene rovinata dalla stagione finale

Il male vero, però, arriva proprio con la puntata dopo, e non parlo dei non morti. Un sacco di stagioni a preparare tutti per la battaglia contro gli Estranei dall’inizio della puntata non si vede niente, perfetto. Che poi quello non è neanche il problema maggiore, il problema vero e proprio è che fanno cose a caso, non sanno come organizzarsi, non sanno come affrontare il nemico. Sembra che si son detti fra loro “Va beh ragazzi tanto si muore, facciamo in fretta”, e infatti fanno in fretta. In una puntata si conclude tutto quanto, con Arya che in modalità stealth va ad uccidere, in una scena molto figa in realtà, il Night King, che manco Solid Snake è così bravo a non farsi notare. Ah giusto, Jon non è servito a niente. Sta lì accanto a Daenerys in sella al drago a guardare, poi va a caccia del capo dei cattivi, fa quasi morire Rhaegal e una volta che si trova davanti a lui, viene attaccato dai non morti. Per carità nessuno avrebbe mai potuto vincere in un duello con il Night King, però dai, fateci contenti ogni tanto. Menzione d’onore ai caduti della puntata, ossia Melissandre, Beric, Lyanna, Jorah l’eterno friendzonato, Edd e il grandioso Theon, che difendendo Brann da decine di nemici, ha trovato la sua redenzione. E ovviamente tutti gli estranei, i non morti e i vari soldati che si trovavano a Grande Inverno.


Game of Thrones 8x04 promo e anticipazioni quando esce - Games of Thrones 8: Ecco come una ottima serie viene rovinata dalla stagione finale

Quarta puntata che pare molti abbiano apprezzato, anche se pure qui non è successo un granché. Che poi in realtà cose accadono, come anche nel primo episodio, ma nulla di così rilevante da dire “Wow questa cosa non la dimenticherò mai“. Tutti festeggiano con del vino e dei bicchieroni di Starbucks, tutti felici e gioiosi (Tranne Daenerys e Sansa che mamma mia rilassatevi due secondi). Poi Daenerys implora Jon di non dire a nessuno chi è veramente perché diciamocelo, si caga leggermente addosso, ma Jon non ci sta perché lui è bravo e rivela tutto ad Arya e a Sansa, che i segreti non li rivela quasi mai. E infatti dopo poco dice tutto a Tyrion, così tanto per far conversazione, creando giusto un pochetto di scompiglio. Daenerys e i suoi fedeli partono via nave mentre Jon con alcuni uomini del nord li seguono poco dopo, giusto il tempo di salutare Tormund, Sam e compagna e NON SALUTARE SPETTRO CHE VIENE LASCIATO LI’ COME UN GIOCATTOLO VECCHIO, povero cucciolo. Nel viaggio, mentre Daenerys è in volo con Drogon e Rhaegal, vengono sorpresi dalla flotta di Euron, che in due secondi ammazzano quest’ultimo e distruggono tutte le navi della madre dei draghi, rapendo anche Missandei, benissimo dire, il viaggio non poteva andare peggio. Ecco quindi che Daenerys si incontra, anche se da lontano, con Cersei. Tyrion chiede una tregua, la regina di Westeros in tutta risposta fa uccidere l’ostaggio. Una nuova guerra è alle porte.

arya - Games of Thrones 8: Ecco come una ottima serie viene rovinata dalla stagione finale

Inizia la puntata e Varys viene giustiziato dalla madre dei draghi, una fine come il suo ruolo nella stagione, senza senso. La guerra è ormai pronta. Jon e Verme Grigio a terra, Daenerys in aria con Drogon. Diciamo che in questo caso non c’è proprio battaglia, poiché il drago in tre secondi spacca tutto e tutti. Ecco allora che suonano le campane di Approdo del Re, segno di resa. Daenerys però non ci sta, gli partono i cinque minuti e decide di radere al suolo tutto, non ci devono essere sopravvissuti, neanche gli innocenti. In questa puntata ho provato varie emozioni, ed è per questo motivo che mi è abbastanza piaciuta, anche se le scelte non sono ottime. Nel mezzo del disastro seguiamo le disavventure di Arya che arrivata insieme al Mastino, lasciato poi a combattere la Montagna ponendo fine al conflitto con la morte di entrambi, cerca di scappare e si salva ogni due secondi per miracolo. Cersei riesce a scappare e trova Jaime, che negli scorsi episodi era a Winterfell. Dopo essere andato a letto con Brienne scappa, capendo che non può smettere di amare la sorella, e torna indietro. Dopo una lotta con Euron che lascia il personaggio in fin di vita, muore insieme all’amore della sua vita. Una morte poetica, poiché muoiono come son nati, ma forse troppo veloce e abbastanza casuale. Poi a fine episodio Arya viene salvata da un cavallo bianco che si trova solo in mezzo a corpi e case bruciate, e va bene così ormai. Ed ecco che la serie ci fa ricredere. Il vero cattivo non è il Night King, non è Cersei, ma è Daenerys. Anche se la sua evoluzione fatta in un modo così sbrigativo ha veramente poco senso.

il trono di spade stagione 8 episodio 6 finale 3 jpg 960x0 crop q85 960x539 - Games of Thrones 8: Ecco come una ottima serie viene rovinata dalla stagione finale

Ed eccoci all’ultimo episodio, finalmente. Iniziamo vedendo tutto distrutto, con Tyrion che vaga per le macerie andando alla fine a trovare i fratelli, scoppiando in un pianto straziante. Daenerys ormai è contenta, ma non gli basta. Mentre parla alle sue truppe promette che non finisce lì, che devono conquistare tutto. Poi fa arrestare il folletto per alto tradimento, poiché due episodi prima liberò Jaime. Jon va a parlare con Tyrion e fra una cosa e l’altra capisce che la donna che ama è pazza. La va a trovare nella sala del trono, incredibilmente intatto, e dopo un dialogo, la uccide con sofferenza. Nel mentre arriva Drogon che forse è l’unico intelligente di tutta la stagione e dopo qualche lamento non prova ad uccidere Jon, ma distrugge quel trono che ha portato sua madre alla pazzia e alla morte. Cambio di scena, il folletto viene portato davanti ad una giuria dei lord dei sette regni, fra cui anche gli Stark. Lì alla fine viene deciso chi sarà il re e grazie ad un discorso di Tyrion viene scelto Bran. Proprio Bran. Cioè forse è la persona migliore per governare i sei regni (poiché il Nord diventa indipendente) però sinceramente pensavo in un qualcosa di diverso. Jon che era in prigione viene spedito alla barriera, nei Guardiani della Notte che ormai sono inutili, per poi andar via con Tormund e i bruti, Bran inizia a regnare consigliato da Tyrion, Sam, Brienne, Bronn e Davos, Arya parte alla scoperta dell’ovest e Sansa diventa la legittima regina del Nord. Un finale strano, ma vedendo il livello della stagione poteva andare peggio. Tutti contenti quindi? Direi proprio di no.

Infatti questa stagione non ha reso contenti noi fan, non ha reso contenti gli attori, non ha reso contento Martin. Forse gli unici contenti sono Benioff e Weiss, i due showrunner della serie, che ormai sono considerati da quasi tutti le pecore nere del loro settore. E’ una stagione fatta di corsa, perché volevano finire subito (forse per andare subito a lavorare ai prossimi Star Wars, chi lo sa). Già quella precedente era stata fatta di corsa e quindi meno interessante delle altre, ma qui proprio non hanno neanche voluto provarci. L’odio provato ha portato anche ad una petizione per rifare la stagione che ha raccolto un numero immenso di firme ma come si sa, le petizioni sono quasi sempre inutili. Una cosa buona sicuramente è nata da tutto ciò, ossia i meme. Uno più bello e divertente dell’altro che mi hanno fatto apprezzare anche gli episodi più brutti.

Non sono stato a raccontare esattamente tutti i fatti peggiori delle puntate perché un solo articolo non sarebbe bastato, ma ho comunque preferito parlarne ora, in generale, perché di base ero talmente demoralizzato dalle puntate da non riuscire a scriverne. Games of Thrones è stata, per lungo tempo, una delle serie televisive che più ho amato, le prime stagioni sono fantastiche ed intriganti, per poi andare, dopo la quinta stagione, a peggiorare. Ora per i fan della saga non resta che sperare in George R.R. Martin e nei suoi libri, che a suo dire sono prossimi ad uscire (anche se ci credono in pochi).


E voi avete apprezzato qualcosa di questa stagione? O non riuscite a trovarci lati positivi?

  Articolo precedente

Anime, Film, Film e Serie TV

“Promare” il film che omaggia il lavoro dei pompieri giapponesi…e bravo Giappone

Scritto da Luca Brajato

Articolo successivo  

Film, Film e Serie TV

Film su Knights of the Old Republic in lavorazione?

Scritto da Andrea De Venuto

Send this to a friend