mercoledì, 21 Agosto 2019

Film, Film e Serie TV

“Il colore venuto dallo spazio”: ecco la prima immagine, la locandina e i primi dubbi sul nuovo film con Nicolas Cage

Ormai è qualche giorno che queste prime immagini, che ci mostrano grossomodo le intenzioni del nuovo film incentrato sul famoso racconto di Lovecraft, sono in circolazione. Ho avuto bisogno di tempo però, prima di parlarne, perché tutto ciò mi ha lasciato alquanto confuso e con mille dubbi ed ora vorrei parlarne con voi, così da dirvi cosa mi preoccupa e sentire il vostro parere a riguardo.

Il colore venuto dallo spazio è sicuramente uno dei migliori e più famosi racconti di H.P. Lovecraft, che ha fatto innamorare dell’autore me e tanti altri lettori. Un racconto ben scritto che lascia completamente spazio all’immaginazione, anche perché il colore di cui si parla nel titolo è qualcosa di non concepibile dalla mente umana, tanto da far impazzire chi lo guarda. La prima cosa che mi lascia un sacco di dubbi è proprio questa. Come fai a rappresentare qualcosa di non rappresentabile in un film? Ci sono stati molti altri film ispirati a questo racconto, ma non hanno praticamente neanche provato a replicare come si deve le atmosfere create dallo scrittore di Providence.


L’unica opera che ritengo ottima è l’adattamento manga realizzato da Gou Tanabe di cui parlai tempo fa (https://www.portointergalattico.it/fumetti/il-colore-venuto-dallo-spazio-un-manga-per-mostrare-visivamente-il-genio-di-lovecraft/) che però comunque era in bianco e nero. C’è da dire che il mix di colori visibile nell’immagine che è stata rilasciata è molto “spaziale” ed è tutto visivamente bello per ora, ma non sono sicuro che renda effettivamente bene, e bisogna guardare l’opera completa per capire se è tutto ok.

colorlocandina - "Il colore venuto dallo spazio": ecco la prima immagine, la locandina e i primi dubbi sul nuovo film con Nicolas Cage

Altra cosa che mi lascia dei dubbi è Nicolas Cage come protagonista. Cage è sicuramente uno degli attori più odiati dal pubblico Hollywoodiano pur avendo fatto delle parti che a me sono piaciute molto. Anzi ad essere sinceramente gli voglio quasi bene anche se è preso di mira da tutti, ma possiamo anche affermare che nella maggior parte dei casi le sue parti non erano esattamente ottime, ma è forse una cosa secondaria. Altra cosa non molto importante ma che comunque il naso lo da storcere è il fatto che la storia sarà ambientata quasi sicuramente ai giorni nostri. Lo so, è veramente una cavolata, ma se mi devo lamentare lo faccio per bene.



Ho tutti questi dubbi proprio perché a questo racconto ci tengo particolarmente, è stato il primo di Lovecraft che ho letto e ci rimarrei male a vedere una trasposizione non all’altezza. Gli stessi dubbi li avrei se qualcuno decidesse di realizzare il ciclo di Ctulhu, altri racconti in cui ci sono cose difficilmente mostrabili. Sicuramente all’uscita del film non mancherò di parlarne nuovamente, anche perché magari i miei dubbi sono stupidi e vengo smentito completamente. Un film rischioso che però, se esce bene, può realmente diventare un capolavoro. Arriverà nelle sale non fra troppo tempo, con la regia di Richard Stanley.

  Articolo precedente

Film e Serie TV, Serie TV

Nuovo trailer italiano per Dark Crystal, il prequel del film uscito negli anni ’80

Scritto da Mirko Midili

Articolo successivo  

Film, Film e Serie TV

Primo trailer inglese per Parasite, l’attesissimo film coreano premiato al Festival di Cannes

Scritto da Mirko Midili

Send this to a friend