giovedì, 6 Agosto 2020

Film, Film e Serie TV, Recensioni Film

MADEMOISELLE: erotismo, amore e tradimento nel capolavoro di Park Chan-Wook

Eravamo ormai abituati ai suoi thriller espliciti e visivi, dei quali Old Boy, emblema della Trilogia della Vendetta, è ormai un esempio lampante, ma mai l’avevamo visto cimentarsi in uno stile altamente sensuale come la sua ultima opera. Opera che ha impiegato ben tre anni ad arrivare in Italia, e come se ciò non bastasse per appena una settimana e distribuita in meno sale di quanto meriterebbe. Tuttavia il pluripremiato regista sudcoreano, con questo suo ultimo film, è probabilmente riuscito a superare se stesso, uscendo dai suoi stessi canoni e dimostrando di poter espandere i propri orizzonti, come ogni ottimo regista dovrebbe fare. Certo, Mademoiselle di per sé rimane un thriller, ma con molti elementi innovativi per il caro Park.

The Handmaiden 2016 Agassi Park Chan wook cov932a 932x460 - MADEMOISELLE: erotismo, amore e tradimento nel capolavoro di Park Chan-Wook

Il film è tratto dal romanzo “Ladra” di Sarah Waters, riadattandolo dalla Londra di fine 1800 alla Corea d’inizio anni 30. Un truffatore senza scrupoli convince una delle sue lavoratrici, la giovane e bella Sook-Hee, a diventare la dama di compagnia della nobile giapponese Hideko, destinata a sposare il suo stesso zio, per convincerla a sposare invece lui, sotto le spoglie del conte Fujiwara, salvo poi, una volta ottenuto il patrimonio, rinchiuderla in manicomio e impadronirsi dell’eredità. Sook-Hee accetta di buon grado, anche perché desiderosa di una buona parte del bottino. Tuttavia, mentre i giorni passano e la giovane continua a servire la sua signora, tra le due nasce piano piano un’intesa, che diventerà amicizia e che sfocerà infine in una storia d’amore, che farà dubitare Sook-Hee delle sue scelte.


1217.w710.h473 - MADEMOISELLE: erotismo, amore e tradimento nel capolavoro di Park Chan-Wook

A prima vista, la trama non presenta troppe innovazioni, anzi, la formula sembra uguale a molte altre storie di romanzi rosa o melodrammatici di fine ‘800, e mentirei se dicessi che anche io non ci avessi pensato.
Tuttavia, come il famoso scrittore e sceneggiatore Neil Gaiman ci ricorda, non serve avere un’idea originale. Basta avere un’idea non originale e svilupparla in maniera coinvolgente. E Park sfrutta i cliché della sua storia, giocandoci sopra e sviluppandoli in maniera imprevedibile. All’inizio i tropi catturano lo spettatore, lo illudono che sia una storia come mille altre, per poi sorprenderli con ben due colpi di scena, che ovviamente non rivelerò.

szobalány 960x455 - MADEMOISELLE: erotismo, amore e tradimento nel capolavoro di Park Chan-Wook

La storia è divisa in tre atti, come vuole la prassi aristotelica, e com’è d’uopo nei registi/autori odierni, quali Tarantino o Anderson, ma tali atti non si susseguono secondo la semplice fabula: il secondo è un’intera digressione della vicenda del primo, così che lo spettatore possa vedere la storia attraverso un differente punto di vista, mentre il terzo riprende il susseguirsi degli eventi. Tale intreccio può risultare artificioso per molti, ma se si è abituati agli exploit del regista, non ci si sorprende troppo, né ci si annoia. Forse il secondo atto poteva essere accorciato un po’, anche perché diverse scene ci vengono riproposte con metà delle inquadrature identiche a quelle della prima volta, ma si capisce che Park l’abbia fatto per dare a tutti e tre gli atti un’oretta di tempo. E la storia prende talmente tanto che sono tre ore capaci di filare come un ruscello, grazie anche al montaggio veloce e spedito. I dialoghi tra i personaggi non sono dominati dalla solita tecnica campo-controcampo, ma anche da campo-soggettiva dell’interlocutore, come se tale personaggio volesse trasmettere al pubblico le proprie forti emozioni, il proprio tumulto interiore nel pronunciare una singola frase. Le inquadrature sono a dir poco artistiche, indubbiamente le migliori di Park finora. Alcune sono talmente estetiche da sembrare quasi dipinti, soprattutto nelle scene di “intimo” tra le due protagoniste. Ricordiamo che questo è un film erotico: non vengono mai mostrati i sessi, ma l’atto sessuale in sé, o anche nudi non troppo espliciti, in una maniera capace di suscitare meraviglia e stupore.


handmaiden - MADEMOISELLE: erotismo, amore e tradimento nel capolavoro di Park Chan-Wook

Forse corro troppo nel definire Mademoiselle il capolavoro di Park Chan-Wook, ma a parte un già citato secondo atto fin troppo lungo, e se vogliamo essere pignoli anche un finale troppo allungato, questo suo ultimo lavoro è stata un’inaspettata sorpresa, forse tardiva a causa della distribuzione italiana, ma pur sempre apprezzata. Dispiace che non sia rimasto nelle sale, ma nessuno impedisce di acquistarlo in Blu-ray o in DVD. Anzi, incoraggio chiunque a farlo. Sia che conosciate il regista e vogliate gustarvi qualcosa non del suo stile ordinario, sia che vogliate semplicemente godervi un buon film.

  Articolo precedente

Anime, Film e Serie TV

Carole & Tuesday è un anime carino e nulla di più

Scritto da Luca Brajato

Articolo successivo  

Film e Serie TV, Romanzi, Serie TV

Game of Thrones: un prequel sui Targaryen è in arrivo?

Scritto da Mirko Midili

Send this to a friend