mercoledì, 1 Luglio 2020

Film e Serie TV, Recensioni Film

Mean Girls: il magico (e spietato) mondo del rosa

Una veloce rassegna dei motivi per cui dovete assolutamente recuperare questa perla di film

Quale giorno migliore per parlare di Mean Girls se non proprio oggi durante il Mean Girls Day. Ma perchè proprio il 3 ottobre? Bhe perchè proprio in questo giorno è successo un evento veramente memorabile all’interno della pellicola.

Era un 3 ottobre infatti quando il ragazzo più carino della scuola Aaron Samuels ha chiesto alla nostra protagonista Cady Heron che giorno fosse. E sappiamo quanto Cady avesse una cotta per lui. Insomma, un giorno speciale.


mg - Mean Girls: il magico (e spietato) mondo del rosa

Al tempo la giovane era ancora nella fase di ragazza nuova e timida, per lei quindi quella domanda ha significato davvero molto e le ha dato poi la carica per continuare ad avere microconversazioni completamente insulse con il suddetto ragazzo.

Partiamo dal principio però, per chi magari non ha mai visto il film (vergogna). Mean Girls è un film, di genere commedia, del 2004 diretto da Mark Waters e sceneggiato da Tina Fey, che interpreta anche un personaggio all’interno della pellicola: Miss Norbury.


La protagonista è Cady Heron, una giovane 16 enne (interpretata da Linsday Lohan). La ragazza si è appena trasferita in America dall’Africa, paese in cui viveva dalla nascita, dato che i genitori sono ricercatori zoologi universitari. Cady ha da sempre studiato in casa ma ora dovrà superare le sue paure ed entrare nel magico mondo delle superiori alla North School.

MV5BMjE1MDQ4MjI1OV5BMl5BanBnXkFtZTcwNzcwODAzMw@@. V1 - Mean Girls: il magico (e spietato) mondo del rosa
Cady sulla sinistra, Regina al centro sulla destra, con a sinistra Karen e a destra Gretchen

All’interno dell’ambiente scolastico Cady troverà due amici molto particolari: Janis Ian (Lizzy Caplan), non molto popolare ma sicuramente molto cazzuta e Damian (Daniel Franzese), semplicemente “quasi troppo frocio per essere vero“. Non poteva mancare poi la presenza della classica ragazza bionda e piena di sè, che tutti temono ed ammirano: Regina George (Rachel McAdams), accompagnata dalle sue fedeli tirapiedi: Karen (Amanda Seyfried), che stupida è dire poco e Gretchen (Lacey Chabert), quella schiacciata dal “peso” di Regina. Insieme formano le Barbie.

L’interesse di Regina per la “ragazza nuova” darà inizio ad un giro di segreti e piani diabolici. Cady infatti inizierà a raccontare tutte le stranezze delle Barbie ai suoi amici che decideranno di proporle di infiltrarsi nel magico trio per carpire i loro segreti e poi sparlarne tra di loro. Insomma, una Barbie sotto copertura. James Bond spostati proprio.

fhd004mgl lizzy caplan 002 - Mean Girls: il magico (e spietato) mondo del rosa
Damian e Janis

Peccato che la troppa vicinanza alle Barbie a lungo andare non farà bene alla dolce Cady. Se volete sapere come continua guardatevi il film mannaggia.

Premetto subito che Mean Girls è decisamente IL mio film preferito. Non mi stufo mai di guardarlo e lo so praticamente a memoria. Sia in inglese che in italiano. Ma perchè lo amo così tanto? Semplice, perchè è geniale e ridicolo allo stesso tempo.

Sapete quei classici film scolastici con la ragazza nuova vs la cattiva di turno, antipatica e perfettina? Ecco, Mean Girls prende in giro alla perfezione proprio quel tipo film, essendo allo stesso tempo proprio quel tipo di film. Geniale!

Abbiamo tutti i personaggi del caso: la ragazza nuova, i suoi amici sfigati e le ragazze popolari, soltanto che qui sono soltanto molto più stronzi e senza peli sulla lingua. L’unica davvero pura d’animo è Cady, ma tranquilli non durerà molto. Tutti quanti sono perfettamente caratterizzati nella loro “insulsità”. Macchiette tipiche, viste e riviste, ritratte alla perfezione, con quella punta di originalità che risiede proprio nel loro essere “ovvi”.

mean girls - Mean Girls: il magico (e spietato) mondo del rosa

In questa pellicola non mancano poi le parolacce, i doppi sensi, qualche volgarità qua e là e tanta ma tanta stronzaggine. Penso che sia proprio questa la colonna portante del film: l’essere stronzi. Molte delle battute pronunciate dagli attori sono incredibilmente politicamente scorrette, con quella giusta punta di sessismo, razzismo e tutto il resto. Perfettamente integrate nelle scene in cui vengono espresse e mai quindi risultanti fastidiose. Sapete cosa? Tutto il film è politicamente scorretto ed è proprio questo che mi piace.

Alla fine, il film stesso prova a redimersi per tutta quella cattiveria che ci ha fatto vedere, si sforza, ma non ci riesce. Cioè, ci riesce a metà. Ci mostrano infatti il classico messaggio “siamo tutti belli così, accettiamoci”, ma anche questo viene dipinto in modo particolare, a mo di presa in giro di tutti quegli altri film che lo fanno seriamente.

giphy - Mean Girls: il magico (e spietato) mondo del rosa

Sono inoltre molto interessanti i continui paragoni che Cady fa tra l’universo scolastico e il mondo animale. In pratica ci sta dicendo: il liceo è formato da un branco di animali, le dinamiche sono praticamente le stesse e non penso che sia l’unica ad essersene accorta. Le Barbie vivono invece nel loro mondo fatto di rosa e cattiveria. Il titolo è Mean Girls (ragazze meschine) per un motivo. Piccolo spoiler: Cady si farà inghiottire proprio da questo magico mondo.

Questo è un film senza esclusione di colpi, un toccasana di divertimento per ogni spettatore. Una pellicola assolutamente da vedere, per chi odia i classici film adolescenziali. Tipo me.


E ricordate: “il mercoledì indossiamo il rosa“.

mean girls 19 - Mean Girls: il magico (e spietato) mondo del rosa
Sì gente, è proprio questo di cui parlo
  Articolo precedente

Film, Film e Serie TV

Annunciato il cast completo di “Assassino sul Nilo”!

Scritto da Andrea Nizzica

Articolo successivo  

Anime, Film e Serie TV, Fumetti, Manga

3 ottobre 1911, l’inizio di una grande avventura: ecco perché tutti dovrebbero vedere Fullmetal Alchemist

Scritto da Mirko Midili

Luca Brajato
Appassionato della psiche umana unisco questo mio interesse alle altre mie passioni: videogiochi, anime e manga. Sono uno scrittore in erba alla continua ricerca di ispirazione.

Send this to a friend