mercoledì, 18 Settembre 2019

Film e Serie TV, Recensioni Serie TV

“The Dark Crystal: La resistenza” mi ha fatto riscoprire quella magia che tanto mi mancava

Una personale recensione di una serie tv fantasy di cui mi sono innamorato nonostante la mia prima impressione non molto positiva

(The) Dark Crystal è un film del 1982 co-diretto da Frank Oz e Jim Henson, di genere fantasy, interamente girato e filmato con l’ausilio di pupazzi animatronici e burattini, senza alcuna presenza umana.

darkcrsytal01 1170x658 - "The Dark Crystal: La resistenza" mi ha fatto riscoprire quella magia che tanto mi mancava

Oggi però, non parleremo di questo film, ma del suo prequel, uscito da pochissimo su Netflix sottoforma di serie TV, ovvero The Dark Crystal: La resistenza, diretta da Louis Leterrier. Anche questo è stato girato interamente con attori in forma di burattini e pupazzi meccanizzati. Il tutto migliorato da alcuni accorgimenti che sono stati possibili grazie alle più recenti tecnologie nel campo filmico.


Quando ho notato questa particolare serie su Netflix sono rimasto colpito (un po’ negativamente) dal trailer, in cui si vedevano questi pupazzi protagonisti dell’intera vicenda. La cosa, mi ha un po’ fatto storcere il naso, questi ultimi infatti mi inquietavano leggermente e mi chiedevo come potessero essere credibili come “attori”. Inoltre il fantasy non è proprio il mio genere e questa serie è innegabilmente fantasy.

Trailer della serie

Nonostante tutte le pessime premesse ho voluto provare lo stesso a guardarlo e sinceramente… menomale che l’ho fatto. Mi sono innamorato, dell’universo di Dark Crystal, dei suoi personaggi, delle sue creature, ma sopratutto di tutto ciò che si nasconde dietro la sua creazione. Vi do un piccolo consiglio: guardatelo in lingua originale, perché in italiano perde abbastanza, purtroppo.


Le vicende della serie si svolgono nel mondo di Thra, il cui cuore è il Cristallo dell Verità. Su questo mondo governano ora gli Skeksis e abitato principalmente dai Gelfling, divisi in 7 clan. Inizierà da parte di questi ultimi una rivolta contro i primi, per salvare il loro mondo dall’oscurità.

Gli eroi principali che porteranno sulle loro spalle i fardelli più grandi sono tre Gelfling di tre diversi clan: Deet dei Grottan, Brea dei Vampa e Rian degli StoneWood.

Dark Crystal - "The Dark Crystal: La resistenza" mi ha fatto riscoprire quella magia che tanto mi mancava
Da sinistra: Brea, Deet e Rian

Il fatto che i protagonisti siano dei pupazzi a tutti gli effetti non fa che rendere il tutto ancora più bello e magico. E nonostante possa sembrare proprio per questo motivo una serie adatta anche ai più piccoli, così, almeno in parte, non è. Si trattano infatti dei temi non semplici da comprendere e alcune scene non si risparmiano dall’essere crude e segnanti.

La cattiveria esiste anche su questo mondo, non è tutto rosa e fiori. Ci sono Gelfing che muoiono, soprusi, torture. Il mondo di Thra differisce in tutto dal mondo che conosciamo noi, non hanno niente in comune e la serie neanche si sforza di inserire elementi comuni. Il loro è letteralmente tutto un altro universo che dobbiamo imparare a conoscere, studiandolo e cercando di comprendere ciò che stiamo osservando: le creature che lo abitano e le loro differenze, la concezione diversa del tempo che passa, il concetto ciclico della morte e tanto altro. E sarà una gioia studiare questi aspetti mentre si guarda la serie.

DC Unit 18129 R.0 - "The Dark Crystal: La resistenza" mi ha fatto riscoprire quella magia che tanto mi mancava

Tutti gli elementi negativi che ho citato poco sopra, quelli sono gli unici elementi in comune con il nostro mondo e provengono infatti dagli Skeksis, degli esseri che hanno perso semplicemente la retta via.

The Dark Crystal ci immerge nel suo mondo ed è difficile riuscire ad uscirne, perchè è così bello ed affascinante da togliere il fiato. Le ambientazioni sono veramente ammalianti e si combinano alla perfezione con la particolarità dei pupazzi. Creati nei minimi dettagli, con una cura del particolare maniacale. Questi ultimi riescono, grazie a questo e al magnifico lavoro dei burattinai, ad esprimere migliaia di emozioni diverse con una credibilità quasi spaventosa.

La trama è ben congeniata ed è credibile in ogni sua parte, senza alcun buco di trama (a parte una scena specifica in cui sembra mancare letteralmente un step sul come si sia arrivati lì). Una storia pensata nel dettaglio, mai lineare e monotona e che non manca di momenti seri e cupi, alternati a momenti di gioia ed ilarità. Una narrazione pensata nel dettaglio che ti fa venire voglia di guardare il prossimo episodio, subito dopo aver finito il precedente. Non mancano neanche i colpi di scena e i momenti in cui lo spettatore si ritrova a chiedersi: “e adesso?”.

MV5BNjVjODZmYWEtNjZhNC00MTdkLTgyMGYtNDBiODRmMzJkMDdjXkEyXkFqcGdeQXVyNjg2NjQwMDQ@. V1 - "The Dark Crystal: La resistenza" mi ha fatto riscoprire quella magia che tanto mi mancava

I personaggi sono tutti perfettamente caratterizzati, tutti con le proprie peculiarità che li rendono unici. Sia i Gelfling che gli Skeksis, che nella loro cattiveria ed egoismo trovano il loro apice di fascino. Incapaci di accettare la morte, spaventati da essa come nessun’altro su Thra, poichè incapaci di comprendere la vera natura di quel mondo. Gli Skeksis sono decisamente ciò che più si avvicina al nostro mondo. Sì, ammetto di considerare gli Skeksis i personaggi più interessanti ed affascinanti dell’intera serie, ma soltanto perchè sono in contrapposizione con la figura dei Gelfling, opposti a loro in tutto, poichè reali abitanti di Thra e per questo capaci di comprenderne la reale essenza.

Sono due specie che si affrontano in una complessa battaglia di ideali e di emozioni. Il loro non è un mero scontro fisico, ma uno scontro mentale e filosofico.

?url=https%3A%2F%2Fca times.brightspotcdn.com%2Fd0%2F91%2Fc61a4080479ea66b74a7f6526cbe%2Fdc unit 04343 rc - "The Dark Crystal: La resistenza" mi ha fatto riscoprire quella magia che tanto mi mancava
Alcuni Skeksis

I temi che affronta la serie inoltre sono molti e disparati. Bisogna però riuscire a scovarli, perchè a volte anche quelli sono lontani dal nostro mondo e fanno parte soltanto di Thra. Per comprenderli dovremo immedesimarci completamente nel mondo dei piccoli Gelfling. Le poche cose che rimangono in comune tra i due mondi sono le emozioni. Nella serie infatti vengono affrontate tutte, dalla più spaventosa alla più bella. Faremo nostre le paure più orribili e la felicità più grande dei protagonisti.

Le musiche sono una più bella dell’altra e contribuiscono a far immedesimare lo spettatore nelle magiche ambientazioni e a cui si accompagnano. Alcune sono delicate e armoniose, quasi ipnotizzanti e altre sono dure, potenti, ricche di pathos, per i momenti più concitati. Ricche di magia anche loro.

https://www.youtube.com/watch?v=yhjoQTz8kSo&list=PLDisKgcnAC4SL-H9d-qCvWiFeiNEdahJi&index=1

Quello che fa The Dark Crystal è qualcosa di unico ed originale, ti porta in un nuovo mondo fantastico, incredibilmente reale. Tu sai che i protagonisti sono pupazzi, ma allo stesso tempo non lo sai o meglio non lo vuoi sapere. Partecipi insieme a loro al gioco della finzione, senza doverti sforzare affatto. E non importa quanto tu sia adulto, per te, Deet, Brea, Rian e tutti gli altri sono reali.

images?q=tbn:ANd9GcTOfqwcNnjZ7Cm 2Hka WEsyHcrUdYUcixlIbg2A0qzfR9JES2 - "The Dark Crystal: La resistenza" mi ha fatto riscoprire quella magia che tanto mi mancava

Non dimenticate poi di guardare il documentario sempre presente su Netflix dal titolo: The Crystal Calls Making the Dark Crystal: Age of Resistance. Scoprirete così tutti i segreti celati dietro questa meravigliosa produzione e l’incredibile lavoro a cui si sono dedicate centinaia di persone, per regalarci una serie tv realizzata con il cuore. E guardandola, si nota che è proprio così, in ogni sua parte.

Io era da tanto tempo che non mi innamoravo così tanto di una serie tv e sono davvero contento che sia accaduto proprio con questa. Ora non mi resta che recuperare l’opera originale e tutto ciò che la circonda: libri, fumetti, ecc.

La visione è sicuramente consigliata e sono sicuro che neanche voi potrete fare a meno di innamorarvi di questo universo, ricco di magia. Perchè questo è ciò che manca nel nostro di mondo: un pizzico di magia.


Un altro mondo. Un’altra epoca. Nel tempo delle meraviglie.”

  Articolo precedente

Film, Film e Serie TV

La Disney annuncia un nuovo film (non un live-action, tranquilli): Raya and the Last Dragon

Scritto da Luca Brajato

Articolo successivo  

Film e Serie TV, Serie TV

Ecco le prime immagini per la seconda stagione di The End of The F***ing World

Scritto da Mirko Midili

Luca Brajato
Appassionato della psiche umana unisco questo mio interesse alle altre mie passioni: videogiochi, anime e manga. Sono uno scrittore in erba alla continua ricerca di ispirazione.

Send this to a friend