venerdì, 22 Novembre 2019

Film e Serie TV, Recensioni Serie TV, Serie TV

The Greatest Story Ever Told: Il potere del denaro in American Gods

L’idea di denaro come divinità è ormai sempre più persistente. Non solo perché, per quante religioni ci siano nel mondo, chiunque adora o non può fare a meno dei soldi, ma anche perché ormai è diventato qualcosa di sempre meno tangibile: non più monete o banconote, ma conti correnti, acquisti e vendite online, un essere etereo e presente in ogni angolo del mondo, forse il primo dei Nuovi Dei, la cui storia verrà raccontata fino alla fine dei tempi.
Questo è uno dei messaggi che vi vuole impartire il quarto episodio della seconda stagione di American Gods, forse l’episodio più lento fatto finora a causa dei lunghi e prosopopeici dialoghi, ma non per questo privo di permeante significato

475354 - The Greatest Story Ever Told: Il potere del denaro in American Gods

La prima sequenza che ci viene proposta è un lungo ma interessante flashback sul fittizio CEO, un ragazzo appassionato di tecnologia e di musica, apparentemente creatore e grande amico del Ragazzo Tecnologico. Tale racconto è talmente ben costruito e congegnato che, se fosse estrapolato dalla serie e messo in un’altra opera, più probabilmente una raccolta di racconti come Black Mirror o Love, Death and Robots, si incastrerebbe perfettamente, poiché tratta di temi come la corruzione della tecnologia nel mondo dell’arte, della morte della figura dell’artista in favore alle infinite capacità del codice binario. Siamo davvero pronti a lasciare alle macchine non solo i nostri lavori manuali, ma anche la nostra creatività?


American Gods 2x04 1 960x540 - The Greatest Story Ever Told: Il potere del denaro in American Gods

Si ritorna al presente: Shadow, assieme a Wednesday, è ospite del signor Ibis, ovvero il dio Toth, impresario di onoranze funebri. Tuttavia non possono stare lì a lungo, poiché devono far visita ad un loro probabile prossimo alleato: il già nominato Denaro.
A far loro visita vi sono anche il signor Nancy e Bilquis. Costoro, assieme a Ibis, iniziano un’accesa discussione sulla partecipazione o meno alla guerra imminente. Bilquis e Ibis preferirebbero rimanere neutrali, ma Nancy, prendendo come esempio la condizione dei neri nella storia e nel mondo di oggi, inneggia alla guerra. Il climax di questo discorso è immerso in una forse inutile inquadratura a campo largo; sarebbe stato più d’impatto un piano americano del signor Nancy, che si avvicina sempre di più a lui, fino ad un primisismo piano sul suo viso alla fine del suo discorso. Ciò nonostante, è una scena molto d’impatto, capace di far riflettere.

ec924413 e548 4180 8fc9 6a94d56fac14 1024x683 960x640 - The Greatest Story Ever Told: Il potere del denaro in American Gods

Nel frattempo il Ragazzo Tecnologico, spinto dalle minacce di World, va a trovare il suo creatore, il prima citato CEO, perché aiuti i Nuovi Dei. Costui viene però assoggettato da World steso con quella che dovrebbe essere un ulteriore upgrade del Ragazzo Teconogico, rendendo così quello presente obsoleto e prossimo alla cancellazione.
Farà un po’ storcere il naso ai fan tale nuova presa di posizione dei Nuovi Dei, sempre dediti a rinnovare immediatamente ciò che è obsoleto, dato che nel romanzo rimangono quello che sono fino alla fine, ma bisogna ammettere che gli scrittori non hanno tutti i torti: è d’uopo, ormai, nelle nuove tecnologie, proporre un modello nuovo che sostituisca quello ormai datato, e se quest’ultimo avesse una coscienza, come potrebbe mai reagire? La reazione del Ragazzo Tecnologico sembrerebbe abbastanza realistica.


father son holy gore american gods ian mcshane ricky whittle 960x493 - The Greatest Story Ever Told: Il potere del denaro in American Gods

Finalmente Shadow inizia a farsi delle domande sulla sua reale importanza in tutta questa faccenda. Come Wednsday gli spiega, (seppur tale spiegazione sia presente sin dall’inzio del romanzo e ci si chiede perché non l’abbiano mostrata prima) lo ha scelto perché è un uomo che non ha nulla da perdere, qualcuno che ormai è disposto a tutto per vivere. La guardia del corpo tuttavia non se la beve: sa di avere un valore per Odino. Forse questo vuole essere una specie di rimando al fatto che una persona che non ha più niente si affida alle divinità perché queste lo aiutino nel corso delle loro vite, ma per chi ha letto Gaiman, sa bene che Odino ha altri piani, soprattutto vedendo cosa ha fatto a Laura.



Un episodio ricco di dialoghi, forse anche troppi, che annoierà molti, intrigherà altri, e che apre a molte altre possibilità per questa serie.

  Articolo precedente

Film, Film e Serie TV

Slittata l’uscita di “Animali Fantastici 3”

Scritto da Gerardo Attanasio

Articolo successivo  

Anime, Film e Serie TV

Uno speciale per il 20esimo anniversario di One Piece

Scritto da Luca Brajato

Send this to a friend