domenica, 18 Agosto 2019

Film e Serie TV, Serie TV

The L Word torna grazie ad un revival…si salvi chi può

La famosissima serie sull’universo lesbico americano ritorna sullo schermo e non so quanto possa essere una bella notizia…

Qualche giorno fa, mentre giravo su Instagram, mi sono imbattuto in un post di un ragazzo americano che seguo che aveva ripostato sul suo profilo un manifesto per un casting. Incuriosito, mi metto a leggere di cosa si tratta: una proposta di casting per il revival della serie tv The L Word.

I produttori sono infatti alla ricerca di due uomini transessuali che abbiano delle specifiche caratteristiche: uno tra i 30 e i 40 anni di qualsiasi etnia e uno di 30 anni asiatico, che dovranno essere disponibili nel periodo da luglio a ottobre del 2019.


IMG 20190502 172209 - The L Word torna grazie ad un revival...si salvi chi può
Questo il manifesto per il casting

Si speculava ormai da molto tempo di un possibile revival/sequel di questa serie tv e io avevo sinceramente rinunciato all’idea, smettendo di informarmi sulla cosa. Questo post però, trovato così per caso, mi ha fatto capire che il rifacimento ormai è certo. Non so però se la cosa mi rende felice o meno sinceramente.

Per chi non lo sapesse The L Word è una serie tv composta da 6 stagioni e andata in onda in America dal 2004 al 2008. Prodotta da Ilene Chaiken. Arrivata in Italia nel 2004 su Sky Vivo, canale all’epoca presente su Sky. Diciamo che è diventata poi una serie di nicchia, che in pochi conosco.


Questo serial parla delle vicende di un gruppo di amiche lesbiche e non che vive a Los Angeles. Il telefilm è un vero misto di storie che si intrecciano tra loro. Racconta in maniera chiara, decisa e senza ambiguità un punto di vista sull’universo omosessuale al femminile.

the l word la segunda temporada usada D NQ NP 997246 MLA27238448194 042018 F - The L Word torna grazie ad un revival...si salvi chi può
Le protagoniste

Le premesse sembrano buone dite voi…ma in realtà…

La serie è partita pure bene nelle prime stagioni, nonostante alcuni personaggi principali fossero veramente sopra le righe e stereotipati fino a cadere nel ridicolo. Infatti le situazioni in cui le protagoniste si ritrovavano erano verosimili e ci raccontavano uno spaccato della vita sociale e dei problemi non facili che dovevano affrontare le donne lesbiche, soprattutto ancora in quegli anni.

Più si va avanti con le stagioni però più si peggiora. Vanno infatti a susseguirsi avvenimenti sempre più surreali e poco credibili, facendo cadere rovinosamente la serie nel trash più totale. Tant’è che mi sono ritrovato a vedere l’ultima stagione tanto per farmi due risate più che per godermi una bel finale di serie.

giphy - The L Word torna grazie ad un revival...si salvi chi può
Shane, lei si che era stereotipata! Mamma mia!!

Questi sono i motivi per cui questo revival mi rende alquanto scettico. Sarà fatto bene, rinnovando la formula funzionale iniziale o sarà un degno erede del trash perpetrato nelle ultime stagioni? Spero vivamente riescano a regalare a questo rifacimento una ventata di aria fresca, trasformandolo praticamente in una nuova serie tv. Se riusciranno a fare ciò, allora credo proprio che gli darò una possibilità.

  Articolo precedente

Film, Film e Serie TV, Fumetti, Manga

Giappone e Spagna si incontrano grazie alla mia mangaka preferita: Riyoko Ikeda

Scritto da Luca Brajato

Articolo successivo  

Film, Film e Serie TV, Recensioni Film

Sulla soglia dell’eternità: Van Gogh ed il grande schermo.

Scritto da Michelle Baldassini

Luca Brajato
Appassionato della psiche umana unisco questo mio interesse alle altre mie passioni: videogiochi, anime e manga. Sono uno scrittore in erba alla continua ricerca di ispirazione.

Send this to a friend