lunedì, 25 Maggio 2020

Film, Film e Serie TV

Una raccolta dei peggiori auguri per lo Star Wars Day

Alcune aziende hanno deciso di augurare ai fan un buon Star Wars Day in modi che definire originale è un eufemismo, diciamo pure brutti.

Arrivo un po’ in ritardo lo so, ma sento di dover condividere con voi questo piccolo stralcio di quotidianità, protagonista dello Star Wars Day, passato ormai da qualche giorno, dato che la ricorrenza cade il 4 di maggio. Vedrete che ne verrà la pena.

Se invece siete interessati a capire le origini di questo particolare festeggiamento, che va oltre la frase May the force be with you, vi lascio il mio articolo scritto in occasione proprio del 4 maggio.


Ora passiamo alle cose…non serie. Durante lo Star Wars Day, dinventato ormai a suo modo una festa di marketing, come qualsiasi altro festeggiamento, moltissime aziende (e non solo) hanno deciso di fare gli auguri a tutti i fan e prendere l’occasione al balzo per farsi un po’ di pubblicità, sui social. Twitter in particolare è stato usato assiduamente.

Ecco, oggi vi farò un recap veloce di alcuni dei messaggi di auguri meno azzeccati, senza senso o brutti che si siano mai visti. Esiste sicuramente di peggio, ma a tutto c’è un limite.


Partiamo da due musei americani: il NY Transit Museum e il Reading Museum. Che già la prima domanda che ti viene in mente è: ma cosa c’entrano i musei con Star Wars? E chi lo sa.
In ogni caso, la prima struttura museale ci regala un augurio composto da un’immagine con un fotomontaggio degno di mio cugino di 8 anni (non ho effettivamente un cugino di quest’età, era giusto per dare l’idea) e una frase di cui non si riesce a capire molto il senso.

Se voi avete capito il senso della frase, perfavore illuminatemi

Andiamo di bene in meglio con il Reading Museum, che ci regala l’immagine probabilmente di un Arazzo Medievale con due spadaccini intenti in un combattimento.

Non so voi, ma a me queste più che ricordare le spade laser, mi ricordano due dildi giganti. C’è anche la cappella sulla punta, andiamo, è palese! E non che ci sia niente di male, per carità, dovrebbe diventare uno sport olimpico la lotta con i dildi, però mi sa che avete sbagliato giornata, quest’immagine forse può andare per la giornata mondiale del sesso. Se esiste, ma penso di sì.

Passiamo ora a due aziende di alcolici. Entrambe hanno deciso l’approccio del trash senza remore. Se sia positivo o negativo questo dovete sceglierlo voi.

Mickey Finn, produttore di sidro di mele, ha creato una grafica con la spada laser di Yoda formata da tante lattine della loro bevanda. Complimenti per l’idea, davvero, brutta quanto originale. Almeno ha colto l’occasione anche per farsi un po’ di pubblicità, mettendo in palio, grazie ad una specie di giveaway, una bottiglia di prodotto. Marò, che tirchieria, dicono che lo sono i genovesi, ma manco gli irlandesi scherzano.

Ma se pensate che questa sia la peggiore, aspettate di vedere quella dell’azienda Jameson Whiskey.

Si sono addirittura sforzati di riscrivere la storia: “Tanto tempo fa, in un pub lontano lontano…” c’era una bottiglia di whisky speciale, che avrebbe impedito a qualsiasi persona di sviluppare una dipendenza da alcool. Premete il video per scoprirlo. Abbiamo la soluzione ai problemi di alcoolismo, grazie.

Uh! Siamo arrivati alla mia preferita. La pubblicità simbolo di quando qualcuno dice: non me ne frega niente di questa festività, ma tutti fanno gli auguri, quindi lo devo fare pure io. Esempio lampante di questo sentimento che ognuno di noi ha provato almeno una volta nella vita.
Il primo è la domanda e il secondo la risposta, concentriamoci sul secondo.

Analizziamo un secondo la dicitura principale del tweet. A10 (interlocutore farlocco immaginario, forse robotico, tipo androide? boh): “Il Parental Control è utile, ma non può sostituire una conversazione riguardo la privacy e la sicurezza con le persone giovani. Parla con loro riguardo le minacce di internet. Ricordagli che la minaccia dello sconosciuto è presente anche online. Configurate insieme le opzioni della privacy e spiegate i perché.
Un messaggio sensato sicuramente, però poi premiamo per far partire la gif e l’unica domanda che ti viene in mente è: ma perché?! che c’entra?! baby yoda che vuole prendere una rana?! è forse una specie di metafora sui pericoli e la sicurezza online che non comprendo?!
Non credo, penso che semplicemente non avessero voglia di sforzarsi a trovare una gif che potesse c’entrare anche solo minimamente con il senso del messaggio. Complimenti. La legge del minor sforzo funziona sempre.

Nel prossimo tweet abbiamo lo stesso tipo di struttura, domanda nel primo, risposta nel secondo. Il problema è che torna anche il mistero della gif.

La L.A. County Dept. of Consumer and Business Affairs, anche lei, non si è sforzata molto per la ricerca di una gif azzeccata. A8 ci dice che per poter acquistare online in sicurezza dobbiamo: “accertarci di usare due fattori di autenticazione per tutti i nostri device e app che hanno informazioni riguardo la carta di credito o di debito. ” Grazie per il saggio consiglio. Ma la Gif? Lando Calrissian che ci augura buona fortuna. Ma per cosa? Del tipo speriamo che nessuno rubi i tuoi dati di credito, ti servirà fortuna? Boh, forse, a sto punto, tutto è possibile.

Il meglio lo si tiene sempre per la fine no? Ecco. La Marina Militare Americana penso che non abbia bene in mente l’aspetto delle loro navi.

“La scorsa settimana, la resistenza si è unita alla USNavy per impedire all’Impero di attaccare la terra. Il Millennium Falcon, Xwwings e USSGeorge HWB Busch hanno obbligato l’Impero a ritirarsi senza tirar fuori neanche una spada laser. “

E adesso chi glielo dice, che sembrano alleati della Morte Nera? Poverini, si erano messi con tanto impegno, ti dispiace rovinare così i sogni della gente.

E per finire in bellezza, non potevamo dimenticarci dell’azienda che ormai da qualche anno possiede tutti i diritti di questa indimenticabile e colossale saga che è Star Wars: la Disney. Che quest’anno, ha deciso proprio di rovinarsi, con degli auguri, veramente sentiti, di cuore.

Condividendo il tuo messaggio utilizzando l’hastag #MayThe4th, accetti il nostro utilizzo del messaggio e del tuo nome account in tutti i media e i nostri termini di utilizzo qui: disneytermsofuse.com
Grazie.


Bhe, che dire, non so se conoscete il detto: se non hai niente di buono da dire, a volte è meglio stare zitti. Ecco, penso si applichi molto bene a certe aziende che il 4 maggio hanno deciso, tanto per, di fare auguri per l’occasione veramente terribili. Almeno ci hanno provato, ma sarebbe stato meglio di no.

  Articolo precedente

Film e Serie TV, Serie TV

Il finale della settima stagione di The Blacklist sarà animato

Scritto da Vincenzo Laezza

Articolo successivo  

Film e Serie TV, Serie TV, Uncategorized

Muppets Now uscirà quest’estate su Disney+

Scritto da Vincenzo Laezza

Luca Brajato
Appassionato della psiche umana unisco questo mio interesse alle altre mie passioni: videogiochi, anime e manga. Sono uno scrittore in erba alla continua ricerca di ispirazione.

Send this to a friend