lunedì, 21 Ottobre 2019

Fumetti, Manga

I simpatici e nascosti (e menomale) effetti sonori presenti nel manga di Attack On Titan

Immagino Hajime Isayama si sia divertito molto ad inserire questi incredibilmente discutibili giochi di parole all’interno del suo manga

Attack On Titan lo conosciamo per essere un manga nonchè un anime incredibilmente serio, che tratta di temi pesanti e con scene che spesso traumatizzano (almeno per me) lo spettatore.

9c91ffa3 dc20 48bf 8bc5 692e37c76d88?base image bucket name=image manager&base image=d13c235d 7145 45ff adaa b99f79254521&size=400x600&format=jpeg - I simpatici e nascosti (e menomale) effetti sonori presenti nel manga di Attack On Titan

Nonostante questo però, il caro Hajime Isayama, il mangaka dietro l’opera, non ha perso il suo senso dell’umorismo. Si è infatti divertito molto ad inserire degli effetti sonori scritti, spesso un po’ nascosti, molto simpatici all’interno di scene che di simpatico non hanno proprio niente. Questi ultimi sono fondamentalmente dei giochi di parole molto arguti, lo devo ammettere.


A scovare queste piccoli scherzetti sono stati alcuni lettori che hanno poi reso pubblica la cosa attraverso dei tweet.

Per primo l’utente di Twitter @no_work_no ha postato queste immagini, che trovate qui sotto, del manga in cui sono contenuti alcuni di questi giochi di parole, che ora vi andrò a spiegare. So il giapponese? No. Mi sono avvalso di una traduzione in inglese? Sì…


Partiamo dal pannello in cui viene mostrato un personaggio che ne spinge via un altro mentre gli dice: “Devi scappare!“. L’effetto sonoro corrispondente allo spintone è “dokka ike” che vuol dire letteralmente “screw off“, quindi in italiano, svitare.
Ok, questo che vi dico adesso fa più ridere. In un altro pannello abbiamo un cavallo che morde la testa di un personaggio e l’effetto sonoro associato è: “Kapureze“, il quale è un riferimento alla “caprese“, classico piatto italiano solitamente servito come antipasto. E in francese per dire antipasto si usa il termine: “hors d’oeuvres“. Capita? Horse, hors… cioè praticamente ha mischiato insieme: italiano, francese e inglese. Un mappazzone insomma, ma comunque divertente dai… no? No ok, forse no.

In un altro pannello ancora ci mostrano un uomo che sbadiglia e di fianco a lui il classico “Faa” come effetto sonoro, nascosto sotto questa prima scritta però si trovano i caratteri che formano la parola: “michiki“. Mettendo insieme “faa e michiki” si crea la parola “famichiki“, il nome di una popolare catena di Kombini in Giappone. Non l’ho capita… perché? I kombini, che c’entrano con uno che sbadiglia? Nn ho cpt.

Ma non è finita qui, altri magici e molto discutibili giochi di parole sono stati scoperti dall’utente @kakkiki. Non solo in scene riguardanti le persone, ma in questo caso riguardanti propri i titani. Insomma simpatia portami via…

In un pannello viene mostrato un personaggio sussultare di paura quando sente della presenza del Titano Colossale. Il tipico effetto sonoro per questo tipo di azione è di solito: “biku” ma in questa scena è stato trasformato inbiggu“, un chiaro riferimento alla taglia del Titano: big… *grilli in sottofondo per un gioco di parole incredibilmente triste*

Diciamocelo non è la prima opera in cui un mangaka si diverte in questo particolare modo. È avvenuto già per esempio all’interno del manga Space Brothers e anche in JoJo’s Bizarre Adventure. Questi ultimi due però sono manga incredibilmente irriverenti e divertenti, diciamo che la trama non si basa su degli esseri giganti e brutti che stanno decimando la popolazione perchè si sfamano di esseri umani.. .ecco, così, per dire eh.

OK6W koKDTOqqqLDbIoPAlwz4 ZDPY nOBDXRhBZjXc - I simpatici e nascosti (e menomale) effetti sonori presenti nel manga di Attack On Titan
Fatemi un gioco di parole su questo mannaggia la miseria!!!

Hajime è stato, diciamo, simpatico nelle sue scelte, d’altronde forse un po’ di umorismo non guasta mai, anche in un manga così serioso. Speriamo però di non vederne più di questi giochi di parole eh? Cioè belli, ma va bene anche così. Piuttosto ecco, che li nasconda un po’ di più, così siamo tutti contenti: lui che li scrive e noi che non li vediamo.

  Articolo precedente

Fumetti, Manga

L’autrice di Beastars Paru Itagaki svela qualcosa di sè in un’intervista…no, non il suo volto

Scritto da Luca Brajato

Articolo successivo  

Anime, Film, Film e Serie TV, Manga

In arrivo il primo live action di The Promised Neverland!

Scritto da Mirko Midili

Luca Brajato
Appassionato della psiche umana unisco questo mio interesse alle altre mie passioni: videogiochi, anime e manga. Sono uno scrittore in erba alla continua ricerca di ispirazione.

Send this to a friend