giovedì, 13 Agosto 2020

Romanzi, Romanzi fantasy

Erbe, diavoli e incantesimi

Vi parliamo del romanzo “Il Monastero delle Ebolarie”.

Salve a tutti, oggi racensirò un libro fantasy della scrittrice Lorena Ciullo. Nato su Wattpad e pubblicato successivamente in self, Il Monastero delle Ebrolarie: il destino di Healer si presenta come un fantasy interessante, sebbene abbia qualche pecca.

La trama narra della lotta tra Erboristi, che sfruttano la natura, e gli Erbolari, che la rispettano. L’abate Asmodeus ha assoggettato tutte le terre e sterminato quasi tutti gli Erbolari. Saranno due ragazze figlie dell’ultima Madre Erbolaria, Healer e Ienis, a cercare di vendicare la morte della madre e riportando il Monastero tra le mani degli Erbolari.


monastero - Erbe, diavoli e incantesimi

Il libro presenta un’interessante atmosfera gotica e dark fantasy, soprattutto quando la narrazione si svolge dentro le mura del monastero: sembra di essere in un ambiente claustrofobico e paranoico.

La storia pare una metafora sulla rivalità tra religiosi cristiani e culture sciamaniche presenti nel nostro Medioevo, in particolare nei riguardi dei Benandanti.


Le erbolarie rappresentano una filosofia più legata al rispetto della natura, mentre gli erboristi sfruttano la conoscenza per ottenere guadagni. In un certo senso sono due facce della stessa medaglia. Vi è inoltre uno scontro tra cultura patriarcale, gli Erboristi, e quella matriarcale, gli Erbolari.

Ho apprezzato anche l’introduzione dei Tiefling, ovvero ibridi umano/diavoli, presenti soprattutto nei giochi di ruolo. Spesso sono figure controverse, con inclinazioni verso il male, ma dotate comunque di libero arbitrio. Non tutti i mezzidiavoli sono malvagi e non tutti vogliono aprire le porte dell’Inferno. Spesso diventano pericolosi in quanto frutto di una cultura di rifiuto e persecuzione. Un esempio di tale problema è Beithin figlio di Asmodeus: a causa della sua infanzia fredda, vissuta nel costante rifiuto, è cresciuto in un sociopatico ambizioso e lussurioso.

Interessante è l’approfondimento psicologico dei personaggi, a parte l’antagonista principale. Il personaggio più interessante è ovviamente la protagonista che durante la narrazione acquisisce man mano coraggio e fiducia verso la sua missione.

Passiamo ora ai lati negativi, incominciando dal nome della protagonista. Sul serio, una guaritrice di nome Healer (guaritrice appunto)? Sarebbe come se chiamassi un mago Wizard oppure un guerriero Warrior.

Altro elemento negativo è l’antagonista, che ho trovato troppo stereotipato.


Nonostante ciò, come esordio non è male, presenta un’ambientazione non molto usuale nel fantasy, quella del monastero, e spero possa essere il primo passo verso una crescita professionale.

  Articolo precedente

Film e Serie TV, Romanzi, Romanzi fantasy, Serie TV

The Witcher è e rimarrà fantasy

Scritto da Andrea De Venuto

Articolo successivo  

Romanzi, Romanzi fantasy

Leopardo Nero, Lupo Rosso: il miglior fantasy dell’anno?

Scritto da Andrea De Venuto

Debora Parisi
Debora Parisi è una studentessa universitaria di giorno e cacciatrice di leggende e mitologie di notte. Da bambina arriva finalista al concorso Anna Bolero, diretto dall'Associazione Culturale Arcizeta di Chivasso. Nel 2019 ha pubblicato racconti per Historica Edizioni, NPS edizioni, Fanucci e Mezzelane Editrice. Gestisce un blog chiamato El micio racconta, un canale youtube intitolato Antro del Drago, che tratta di diversi argomenti, tra cui recensioni di libri, film e videogiochi. Collabora anche con le riviste Upside Down Magazine e Porto Intergalattico, ha collaborato anche con Sci-Fi Pop Culture e Spazio Penultima Frontiera.

Send this to a friend