venerdì, 22 Novembre 2019

Romanzi, Romanzi fantascienza, Romanzi vario genere

Lorenzo Beccati e la storia del Frankenstein italiano

“Il Resuscitatore” di Lorenzo Beccati è da qualche giorno in libreria

Lungi da me intrattenermi guardando Striscia la Notizia, ma ieri facendo zapping mi sono soffermato sui consigli letterari del buon Gerry e Michelle. Stavano presentando il libro di uno dei loro autori, Lorenzo Beccati, che si intitola “Il Resuscitatore“.

Non amo gli autori italiani, specie quando si addentrano in generi che non gli competono, che non sono nelle loro corde. Specie quanto tentano di scimmiottare opere già esistenti, e più che semplicemente “esistenti” opere che sono un vero e proprio cult, in questo caso Frankenstein. I due conduttori di Striscia, infatti, hanno definito il romanzo di Beccati “Frankenstein italiano“, così come reca il sottotitolo in copertina.


Fatto sta, che mi ha incuriosito. A pelle. Quei due con le televendite ci sanno fare, almeno con me. Hanno promosso bene il prodotto e penso proprio che queste 200 e poche più pagine saranno presto sul mio comodino, in modo da poter dare un’opinione più accurata. Ma nel frattempo vi spiego cosa mi ha incuriosito:

Un estratto della trama è: “il fisico Giovanni Aldini sa perfettamente cosa va cercando: un cadavere fresco e non mutilato. Con un’adeguata stimolazione elettrica, opportunamente distribuita fra le membra, è possibile restituire la vita a chi l’ha perduta: è questa la convinzione su cui lo scienziato bolognese ha fondato i suoi recenti studi. Ma l’Inghilterra, che non conosce la ghigliottina, significa altro. Significa pene capitali inflitte tramite impiccagione, la possibilità di avere a disposizione corpi integri di reietti appena deceduti. Sbarcato in una Londra sordida, traboccante di miseria e disperazione, Aldini si getta a capofitto nel suo progetto visionario. “


Io, da ignorante in materia, ignoravo appunto chi fosse tale Giovanni Aldini, credendolo frutto dell’immaginazione dell’autore. E invece no, la storia che ispira la trama è vera, basta aprire Wikipedia per scoprirlo. Ed è lui che ha ispirato il Frankenstein “originale”, quindi la storia della versione italiana non è una mera imitazione.


Se vi ho incuriosito ed avete intenzione di leggere il libro, è possibile acquistarlo qui, sia in versione cartacea che ebook, oltre che leggerne un estratto.

  Articolo precedente

Fumetti, Romanzi

Detective Pikachu: un libro per veri nerd racconta i retroscena

Scritto da Gerardo Attanasio

Articolo successivo  

Romanzi, Uncategorized

Fauni vs Diavoli: lo strano caso della statua di Vergato

Scritto da ElMicio

Send this to a friend