domenica, 18 Agosto 2019

Romanzi, Romanzi fantascienza, Romanzi fantasy

“L’Isola Di Asgralot”. Un fantasy supereroistico di Federico Paccani

X-Men e Harry Potter si fondono in un’ambientazione tutta italiana.

“I Segreti di Asgralot: L’isola e gli Evoluti” è il primo romanzo della serie di Federico Paccani ed è pubblicato dalla Acar Edizioni. Il libro che mi è stato assegnato da valutare è l’edizione del 2017, quindi mi baserò su questa per recensire la storia.

La trama narra di Daniele Anansi, orfano di padre e praticamente un genio, che un giorno, dopo essere stato dato in affido, verrà reclutato da dei mutanti chiamati “Evoluti” e portato nella misteriosa isola di Asgralot, dove scoprirà terribili segreti su se stesso e sul misterioso siero dell’invisibilità.


Iniziamo coi pregi: il ritmo del libro è veloce e scorrevole. La maggior parte dei personaggi sono ben descritti, in particolare ho apprezzato la caratterizzazione di Marcus e William. Il primo è un ragazzo insicuro che è soggetto ad abusi da parte del padre, mentre il secondo vive con il costante rimorso dei suoi errori e con la paura di fare del male. Entrambi li ho trovati tenerissimi nei loro pregi e difetti. Ho apprezzato la rappresentazione dell’ambiente dell’isola: Asgralot è a tutti gli effetti un piccolo stato autonomo, con i propri giornali, tecnologia, fonti di energia ecc. Per buona parte del libro l’autore descriverà la società dell’isola e la struttura della scuola. Ho trovato interessante l’associazione tra inquinamento e nascita degli evoluti, quasi la specie umana avesse avuto necessità di evolversi contro il cambiamento del pianeta.

L’ambientazione è fortemente influenzata da Harry Potter e gli X-Men: si sente l’atmosfera supereroistica, enfatizzata dall’utilizzo di alter ego da parte degli evoluti. Alcuni nomi inotlre traggono ispirazione da miti o leggende: ad esempio Odin Avalon è l’unione dell’omoimo dio nordico con la miseriosa isola citata nel ciclo arturiano, ciò potrebbe far riferimento alla natura di guida per tutti gli evoluti, ma anche alla sua potenza e scaltrezza, e come sovrano dell’isola di Asgralot (come Avalon). Gilgamesh è l’eroe epico babilonese/sumerico, semidio dotato di incredibile forza, alter ego perfetto per chi riesce a sollevare oltre duecento chili.


91lt1oDKV4L 2 - "L'Isola Di Asgralot". Un fantasy supereroistico di Federico Paccani


Il libro presenta inoltre alcune citazioni dell’ambiente fantascientifico, come “L’uomo invisibile” di H.G. Wells (personaggio che apparirà indirettamente come un evoluto).

E ora, ahimé, iniziamo con gli elementi negativi: il più grave è il protagonista, in quanto pare un Gary Sue. Cos’è un Gary Sue? Praticamente la versione femminile delle Mary Sue, un personaggio che non sbaglia mai, spesso con un passato tragico, che non evolve spiritualmente. Ciò entra in contrasto con i personaggi secondari che hanno invece uno sviluppo più marcato e profondo.

Altro elemento negativo è la questione dell’orfanotrofio: a parte che oggigiorno non esistono più, ci sono le case famiglia ma gli orfanotrofi dovrebbero, per legge, essere stati chiusi dal 2006. Mi sembra strano che ai giorni nostri ci siano ancora persone che li gestiscono. Inoltre, quando Daniele viene contattato dagli Evoluti, come fa la signora che lo ospita a accettare subito che il suo protetto vada in una scuola di cui non si sa nulla? Mi pare poco realistico.

Ultima, ma minore in quanto legata all’edizione, è la presenza di refusi, soprattutto nella prima pagina. Per fortuna, con le nuove ristampe, questo problema è stato risolto.


In conclusione, “I Segreti Di Asgralot” è un libro scorrevole, con diversi difetti, ma che sa intrattenere. Essendo il primo libro di una serie, sono speranzosa che certi errori presenti in questo volume verranno corretti nel seguito “L’Abisso”. Inoltre, se vi potesse interessare, l’autore ha scritto un libro incentrato su Loki.


  Articolo precedente

Romanzi, Romanzi vario genere

Un amore al mirtillo – Dolcezza senza fine al profumo di muffin ai mirtilli

Scritto da Benedetta Di Sacco

Articolo successivo  

Romanzi, Romanzi fantasy

La serie TV de La Ruota del Tempo: perché sarebbe meglio una serie animata

Scritto da Andrea De Venuto

Debora Parisi
Debora Parisi nasce a Torino nel 1996. Fin da piccola è sempre stata una divoratrice di libri e storie, tanto che chiedeva cinque fiabe prima di andare a dormire, con disperazione della povera mamma.A 9 anni partecipa al concorso Carla Boero, edito da Associazione Culturale Arcizeta di Chivasso, non riuscendo ad entrare tra i primi classificati, ma ottenendo comunque il premio d’esordio.Dopo non parteciperà ad altri concorsi. Studia cinese presso la facoltà di Lingue e Culture dell’Asia e dell’Africa.Gestisce un blog chiamato El micio racconta, dove interpreta il ruolo di un gatto magico, pantofolaio e amante dei libri, e un canale youtube intitolato Antro del Drago, che tratta di diversi argomenti, tra cui recensioni di libri, film e videogiochi. Collabora anche con la rivista letteraria Upside Down Magazine.

Send this to a friend