martedì, 22 Settembre 2020

Film, Romanzi fantasy, Videogiochi

L’evoluzione del drago nel fantasy: folklore, archetipi e letteratura.

Una breve analisi della storia “draconica”

I draghi sono forse tra le creature più maestose del fantasy e sono il simbolo del fantastico sia in Oriente che in Occidente.

Tale testo è stato ispirato dal video di Hello Future Me. Ma è anche una mia risposta in quanto lo youtuber si è concentrato poco sui draghi orientali e sul fatto che l’archetipo del drago pensante è molto più complesso di quel che sembra.


Nella mitologia europea, il drago è principalmente una creatura malvagia; basta vedere Tifone, il padre dei mostri della mitologia greca, la dea mesopotamica Tiamat oppure il drago norreno Fafnir.  Nella mitologia cristiana, il drago diventa a tutti gli effetti l’incarnazione del peccato che ha il suo apice con la figura della Bestia dell’Apocalisse.

QGyckqw 960x536 - L'evoluzione del drago nel fantasy: folklore, archetipi e letteratura.
Tiamat, la signora del Caos, del mare e dei draghi. Purtroppo divinità poco considerata

Possono avere diverse forme: dai serpenti, ai rettili alati alle creature ibride come nel caso del Tatzelwurm, mezzo drago e mezzo felino.


Nell’Asia, i draghi hanno un ruolo più positivo: sono creature sagge, ma potenti, in grado di generare uragani e con poteri quasi divini. Condividono con il drago europeo la struttura serpentiforme, mentre è caratterizzato per la capacità di volare pur non avendo le ali. Si pensa che l’origine dei suoi poteri siano le sfere che essi si portano dietro.

dipinto drago cinese - L'evoluzione del drago nel fantasy: folklore, archetipi e letteratura.

Nel fantasy i draghi hanno avuto un ruolo molto importante nella letteratura fantastica, eppure non sono tutti uguali e soprattutto il drago ha subito una mutazione durante le ere, riflettendo il rapporto tra umani e natura.

Nei primi fantasy europei, il drago era molto simile a quello riportato nei miti e nelle leggende: un essere malvagio e intelligente, spesso a guardia di tesori. Nel fantasy moderno il rapporto tra draghi e le altre specie è mutato: da creature terribili sono diventate cavalcature fino a compagni d’avventura. Nel caso di Dragonlance, c’è stata pure una storia d’amore tra una dragonessa mutaforma e un elfo, eliminando quindi le barriere interspecie.

larry elmore dragonsoflight2 - L'evoluzione del drago nel fantasy: folklore, archetipi e letteratura.
Una dragonmance…

 Forse tale rapporto è un riflesso della nostra consapevolezza nei riguardi della natura: una volta le bestie rappresentavano il trionfo della civiltà sulla bestialità, invece in questo periodo di inquinamento si cerca di creare un equilibrio tra uomo e natura, per un futuro armonioso.

Ho notato che la trasposizione dei draghi è passata da gigantesche creature a quattro zampe a rettili enormi bipedi, molto simili alle cugine Viverne. Ciò ha causato scalpore tra i più fervidi sostenitori del fantasy classico. Personalmente concordo con loro ma bisogna vedere come si vuole descrivere il drago nel proprio mondo.

drago nwyvern 960x1296 - L'evoluzione del drago nel fantasy: folklore, archetipi e letteratura.
Mi spiace per chi non sa l’inglese, ma tale immagine spiega brevemente le varie differenze tra drago e viverna.

Ad esempio, se ci si volesse avvicinare a un’ambientazione più scientifica, la struttura della viverna sarebbe plausibile oppure quella di un drago quadrupede con quattro ali.

Nella letteratura moderna ho potuto osservare due tipologie di archetipi di draghi. Tali archetipi potrebbero essere d’aiuto per la costruzione del proprio mondo quando si scrive una storia.

Il primo è il Drago Ferale: come esempio utilizzerei i draghi di Daenerys e il drago di San Giorgio. Sono bestie intelligenti, ma non quanto gli umani. Sono predatori feroci, sputano fuoco e non è possibile negoziare con loro, ma in alcuni casi si possono addomesticare, come riportato nel film Dragon Trainer.

4298236 0844 dragon trainer 960x540 - L'evoluzione del drago nel fantasy: folklore, archetipi e letteratura.

Il videogioco Dragon Age presenta diversi draghi bestiali. Sono i classici draghi europei, ma c’è una dismorfia tra maschi e femmine: solo quest’ultime possono volare e sono nettamente più grandi.

Come esempio orientale riporterei gli Imooghi del film Dragon Wars: gli Imoogi sono dei draghi potenziali o allo stato larvale, solo dopo aver colto il gioiello celeste possono diventare draghi.

dragon wars recensione film shim hyung rae recensione v3 38472 720x720 1 - L'evoluzione del drago nel fantasy: folklore, archetipi e letteratura.
Il film sarà un po’ scadente, ma hanno reso bene l’idea di un “drago ferale” asiatico.

L’imoogi è legato alla cultura coreana, in altre versioni, come quella cinese, i draghi nascono da carpe oppure da imperatori deceduti, mentre in Giappone dai cavallucci marini, ma ogni versione ha un elemento in comune: il fatto che tali esseri devono compiere qualcosa di straordinario per diventare dei draghi.

Nel caso delle carpe, devono oltrepassare una cascata per diventare un drago.

43723cdf4eb10b195de495e7f828dd3b - L'evoluzione del drago nel fantasy: folklore, archetipi e letteratura.
Il pokemon Garydos rappresenta il mito della carpa come un potenziale drago

Il secondo esempio di drago orientale bestiale è il compagno d’avventure dell’avatar Roku: è un drago intelligente, ma non quanto gli esseri umani. Lo paragonerei a Sdentato di Dragon Trainer.

Ultimi, ma non meno importanti, sono i draghi del film cult Il regno del fuoco: creature bestiali che però hanno messo a dura prova la civiltà umana.

Inoltre sono stati tra i primi film a introdurre il “drago viverna”, ma a differenza del trono di spade, vi è una giustificazione scientifica: si intuisce infatti che i draghi discendano dai dinosauri e quindi gli autori hanno voluto dare una struttura scientifica alla biologia dei draghi. Quindi sì, il Trono di Spade non è giustificato perché non ha basato la sua struttura su elementi più scientifici.

ilregnodelfuoco 960x410 - L'evoluzione del drago nel fantasy: folklore, archetipi e letteratura.

Il secondo è il Drago Superiore: draghi dotati di intelletto pari o superiore a quello umano, capaci di avere una propria lingua, cultura, nazione e società. lo dividerei questo gruppo a sua volta in due sottogruppi, Orientale e Occidentali che a loro volta si dividerebbero in Drago Pensante e Drago Saggio.

Il Drago Pensante è un drago intelligente, ma con una morale ambigua o non necessariamente buona, mentre il Drago Saggio è una creatura benevola.

Nel gruppo Europeo mostrerei come esempi di Draghi Pensanti Smaug e i suoi vari cugini draconici. Sono creature intelligenti, carismatiche, spesso malevole e avide. Sono capaci di ingannare, causare disgrazie e provare emozioni molto umane. Insomma, sono ben lungi dall’essere dei draghi buoni e saggi e nei migliori dei casi sono moralmente ambigui.

A volte sono insensibili alle specie che loro ritengono inferiori, altre volte sono malvagi in quanto discendenti da stirpi demoniache (come nel caso dei draghi di Arda, creazioni di Melkor). Anche molti draghi di Skyrim, per la precisione coloro che seguono Alduin, rientrano in tali categorie. Alduin è la versione draconica di Lucifero, insomma, non proprio un gran simpaticone dedito alla pace.

smaug 960x540 - L'evoluzione del drago nel fantasy: folklore, archetipi e letteratura.

Invece come esempi neutrali o ambigui userei i draghi del romanzo Dershing: hanno una società sviluppata e posseggono diversi poteri, tra cui la metamorfosi che consente loro di assumere aspetto umano. Nei tempi antichi la loro tecnologia aveva raggiunto tale livello da renderli capaci di vere e proprie manipolazioni genetiche. Tale sviluppo tecnologico e magico però è costato la progressiva sterilità delle loro dragonesse.

lultima speranza 01 - L'evoluzione del drago nel fantasy: folklore, archetipi e letteratura.
Neebia e Terrant nella loro forma umana

La loro società è formata da un gruppo eterogeneo di draghi, alcuni che difendono gli umani, altri, i più conservatori, che non accettano l’esistenza delle Dershing, umane in grado di procreare coi draghi e generare degli ibridi.

Un esemplare malevolo della loro specie è indubbiamente Neebia, l’antagonista principale del volume, un personaggio tragico. Insomma, i draghi di Dershing non li amalgamerei in maniera omogenea nei Draghi Saggi in quanto la loro condotta dipende dalla loro morale. Ad esempio Terrant potrebbe rientrare nella categoria Drago Saggio poiché è un personaggio altruista e con più buonsenso di Neebia.

rita micozzi 3 l ultima speranza 03 960x1035 - L'evoluzione del drago nel fantasy: folklore, archetipi e letteratura.

Nel sottogruppo Draghi Saggi Europei metterei Draco, uno dei personaggi principali di Dragon Heart: fa da mentore al protagonista ed è una creatura buona, sebbene burbera. È capace di grandi atti di generosità e a mio parere è un perfetto esempio di decostruzione del classico Drago Europeo. Appare come terribile e intimidatorio, salvo poi essere migliore del ragazzo a cui lui ha salvato la vita.

dragonheart46 - L'evoluzione del drago nel fantasy: folklore, archetipi e letteratura.

Menzione d’onore va a Paarthurnax, fratello di Alduin: un drago inizialmente malvagio che ha cambiato idea sugli umani e ha acquisito la saggezza necessaria per controllare la sua natura e offrire consigli ai Barbagrigia. Paarthurnax sarà fondamentale per la sconfitta di Alduin. È un drago filosofo, anche se a volte arriva a conclusione un po’ bizzarre.

Paarthurnax - L'evoluzione del drago nel fantasy: folklore, archetipi e letteratura.

Ora andiamo in Asia, come esempi di Draghi Pensanti ho voluto mettere i due fratelli draghi di Overwatch: sono dragoni intelligenti, ma non saggi, in quanto sono stati coinvolti in una lotta fratricida. Hanno compreso entrambi i propri errori e stanno percorrendo una strada verso la redenzione.

Menzionerei anche Haku, il drago-spirito della Città Incantata. A mio parere tale personaggio è a metà strada tra un Drago Pensante e un Drago Saggio: è una creatura di buon cuore ma fa il lavoro sporco per la strega Yubaba. Tra i vari atti illegali che è costretto a compiere, vi è anche quello di rubare il sigillo d’oro di Zeniba, la sorella di Yubaba.

Tale azione gli costerà molto cara e se non fosse stato per Chihiro sarebbe morto. Verso la fine del film ha assunto un ruolo più saggio, dichiarando la propria libertà alla maga Yubaba e assicurandosi che Chihiro ritorni nel mondo degli umani.

Haku Dragon form - L'evoluzione del drago nel fantasy: folklore, archetipi e letteratura.

Un esempio di Drago Saggio Asiatico sono i due maestri draghi del popolo del sole, presenti nella serie tv Avatar. Pur non parlando, sono in grado di intendere e di volere, insegnando a chi loro reputano degno la vera natura del dominio del fuoco. Proprio perché posseggono una morale vengono inclusi in questo insieme, anche se non sono in grado di parlare il linguaggio umano.

fire13 1602 - L'evoluzione del drago nel fantasy: folklore, archetipi e letteratura.

Aggiungerei nel gruppo anche i Naga, gli uomini serpente, che sono in un la cosa più vicina a un drago nella mitologia indiana. Sono creature sagge, benigne nei confronti degli esseri umani e, quando assumono forma umanoide, sono considerati molto belli. Un loro re, Mucalinda, protesse Buddha dalle intemperie con il suo cappuccio da cobra. Come coi draghi orientali, sono creature associate all’acqua.

5f67ceddc64f431a3666ad451df48cd3 - L'evoluzione del drago nel fantasy: folklore, archetipi e letteratura.

Spero che con questa mia analisi possiate avere un aiuto in più con la costruzione del vostro mondo. Che ne pensate di tale articolo? Dite la vostra.


Se per caso foste interessati a creare il vostro mondo fantasy, vi consiglio l’articolo sulle Tre Leggi della Magia.

  Articolo precedente

Videogiochi

Al Bano VS Dinos, un “videogioco” che farà, ahimè, la storia

Scritto da Luca Brajato

Articolo successivo  

Arte e Cultura, Film, Romanzi fantasy, Videogiochi

La viverna, la cugina scomoda del drago

Scritto da Debora Parisi

Debora Parisi
Debora Parisi è una studentessa universitaria di giorno e cacciatrice di leggende e mitologie di notte. Da bambina arriva finalista al concorso Anna Bolero, diretto dall'Associazione Culturale Arcizeta di Chivasso. Nel 2019 ha pubblicato racconti per Historica Edizioni, NPS edizioni, Fanucci e Mezzelane Editrice. Gestisce un blog chiamato El micio racconta, un canale youtube intitolato Antro del Drago, che tratta di diversi argomenti, tra cui recensioni di libri, film e videogiochi. Collabora anche con le riviste Upside Down Magazine e Porto Intergalattico, ha collaborato anche con Sci-Fi Pop Culture e Spazio Penultima Frontiera.

Send this to a friend