mercoledì, 13 Novembre 2019

Romanzi, Romanzi fantascienza

Superfolks: Il romanzo che ispirò Watchmen e Gli Incredibili

Tutti (si spera) conoscono Watchmen, capolavoro di Alan Moore e del media del fumetto. Un’ucronia ambientata nella Guerra Fredda, nella quale i supereroi sono ridotti a fuorilegge, e i pochi che non sono in prigione o che non hanno rivelato la loro identità al mondo, cercano di sopravvivere quanto meglio possono. Un mondo in cui una misteriosa figura sta uccidendo eroi in costume per uno scopo oscuro ai protagonisti. Una storia su scelte, conseguenze, segreti e verità.

Tuttavia fa dispiacere che molti non conoscano, o meglio nessuno conosca, l’opera dalla quale Alan Moore prese spunto, e dalla quale è iniziato il filone della decostruzione del supereroe. Si sta parlando di Superfolks, conosciuto in Italia come Super – L’ultimo Eroe, di Robert Mayer.


SuperUltimoEroe - Superfolks: Il romanzo che ispirò Watchmen e Gli Incredibili

Scritto nel 1977, il romanzo è ambientato in una New York DC in cui Batman e Robin sono morti dopo che la Batmobile si è schiantata contro uno scuolabus pieno di bambini afroamericani, Wonder Woman è diventata un’attivista femminista e David Brinkley, ex supereroe più forte del mondo, ora uomo di mezza età con un accenno di pancetta, ha perso ormai da molto i suoi poteri e vive una noiosa vita normale con moglie e figli. Tuttavia, un giorno scopre che i suoi poteri stanno lentamente tornando, e ciò lo rinvigorisce e gli fa tornare l’antica voglia di a combattere il crimine, che nella sua città ormai ha preso il potere.

Caratterizzato da una narrazione scorrevole, dialoghi taglienti e descrizioni che non hanno paura di soffermarsi sui lunghi pensieri dei personaggi, non solo di David, Superfolks fu la prima storia a voler trattare il tema supereroistico in maniera pessimistica, quasi deprimente, ma al contempo rispettando la bellezza del genere. Cosa significa essere un supereroe a più di quarant’anni? Si vuole davvero essere un eroe o ormai si è più preoccupati della propria fronte stempiata? Tali dubbi sono davvero essenziali o se li sta creando David da solo?


81ssN5Ly6L 960x1440 - Superfolks: Il romanzo che ispirò Watchmen e Gli Incredibili

Quest’opera non ha ispirato solo Watchmen, ma anche personaggi come Sentry, testate come Astro City o, tal cosa ancor più lampante, film come Gli Incredibili. Il seme che Meyer seppellì fece germogliare le storie di decostruzione del supereroe che tutti noi ora conosciamo e amiamo. Scrittori come Grant Morrison e Stan Lee elogiano questo romanzo per aver cambiato così tanto in un mondo già così enorme.


Questo perché Mayer non critica tanto i supereroi, quanto il mondo che li circonda: non sono loro che si sono distrutti da soli, ma siamo noi ad averlo fatto: le persone di tutti i giorni non sapevano risolvere i propri problemi da soli e abbiamo richiesto il loro aiuto. Loro ci hanno aiutati e, una volta ritenutici tranquilli, li abbiamo gettati via come fossero spazzatura. E nuovamente abbiamo bisogno di loro, ora più che mai.

  Articolo precedente

Romanzi, Romanzi fantascienza, Romanzi fantasy, Romanzi vario genere

Intervista a Marco D’abbruzzi, editore di I.D.E.A.

Scritto da ElMicio

Articolo successivo  

Romanzi, Romanzi vario genere

“La lunga marcia” di Stephen King mi ha letteralmente distrutto

Scritto da Mirko Midili

Send this to a friend