domenica, 18 Agosto 2019

Uncategorized

Evangelion 3.0+ 1.0: un’Odissea lunga 16 anni

Quanto può essere difficile la gestazione di un blockbuster? Molto, come il regista Hideaki Anno ha sperimentato sulla sua pelle.

Neon Genesis Evangelion. Uno degli anime più amati ed influenti di tutti i tempi. Nonostante la serie sia terminata nel 1997, con lo spettacolare The End of Evangelion, ciò non ha impedito al creatore della serie Hideaki Anno (noto anche per il suo lavoro su Gunbuster, Nadia e il mistero della Pietra Azzurra, Le situazioni di Lui e Lei, Love&Pop e recentemente per Shin Godzilla) di riattingere al suo franchise di maggior successo per raccontare qualcosa di nuovo, poiché a detta dello stesso Anno, “Nessun anime degli ultimi 12 anni è stato influente come Eva“. Insomma, modesto il ragazzo (anche se personalmente condivido parzialmente il suo pensiero).


Ciò porta quindi alla nascita dello Studio Khara, che si sarebbe occupato della produzione del progetto denominato Rebuild of Evangelion (o “Evangelion: Nuova Versione Cinematografica“, se tradotto letteralmente dal giapponese), una tetralogia di film che racconteranno una nuova versione di Eva, partendo dalla stessa base, ma che prenderà poi una strada diversa. L’annuncio viene ufficialmente dato nel 2004 e, a detta dello stesso Anno, l’uscita dei film sarebbe stata biennale, giusto il tempo di lavorarci insomma, ponendo il termine della saga nel 2012/2013.

image 2 - Evangelion 3.0+ 1.0: un'Odissea lunga 16 anni
il regista Hideaki Anno alla prima di Shin Godzilla

Il primo capitolo esce tre anni dopo, con il titolo internazionale di Evangelion 1.0 : You are (Not) Alone. Il sequel Evangelion 2.0 : You can (Not) Advance arriverà nel 2009. Tuttavia, lo sviluppo del penultimo film della saga è molto complesso: Anno, che stava lentamente creando una storia nuova (di fatto distaccandosi dalla serie classica) si ritrovò a gestire un lavoro difficile, che uscì nel 2012 con il titolo Evangelion 3.0: You can (Not) Redo.


Tuttavia, il lavoro si rivelò pesante sotto molti punti di vista, portando ad un esaurimento nervoso il regista, che purtroppo si ritrovò a combattere con una malattia che fino a quel momento era riuscito a controllare: la depressione.

image 3 960x407 - Evangelion 3.0+ 1.0: un'Odissea lunga 16 anni
Una scena tratta da Evangelion 3.0: You can (Not) Redo

Il male che affligge Anno da tempo (che paradossalmente portò alla nascita dello stesso Evangelion) si ripresentò più forte che mai, portando il regista a dover staccare la spina per un po’. Di conseguenza, l’ultimo film della saga, Evangelion 3.0+1.0, venne congelato fino a nuovo termine. L’uscita venne posticipata dal 2014 al 2015, per poi entrare in una fase di stasi totale. Il rebuild si ritrovava quindi senza il suo finale.

Anno, durante questo periodo di “riposo forzato” dall’animazione, si dedica ad altri progetti, come il doppiaggio del protagonista di Si alza il vento di Hayao Miyazaki, o al già citato Shin Godzilla (che ricorda moltissimo Evangelion, in alcuni temi). Tuttavia, del fantomatico 3.0+1.0 ancora nessuna traccia. Questo, fino a febbraio 2017. Il produttore di Shin Godzilla,Akihiro Yamauchi, afferma infatti che “Il regista è già al lavoro sulla sua prossima opera.” Inutile specificare quale. Ad aprile, il sito ufficiale di Evangelion rilascia finamente un primo teaser poster ufficiale.

image 4 - Evangelion 3.0+ 1.0: un'Odissea lunga 16 anni
Il teaser poster di Evangelion 3.0+1.0

Poi arrivò il 28 luglio 2018. Senza preavviso, proprio come piace ad Anno, viene rilasciato un primo teaser trailer. Già. Con una data, semplice, ma efficace al tempo stesso: 2020.


Dopo 16 anni, quindi, il rebuild di Evangelion vedrà quindi (forse) finalmente la sua conclusione. Sedici anni travagliati, sia per i fan che per gli addetti ai lavori, sperando ne valga la pena. In attesa di nuovi aggiornamenti, speriamo che il film si riveli degno di una così febbrile attesa, augurando ad Anno di riprendersi del tutto e di poterci così portare nuovi sogni sul grande (o piccolo) schermo.

  Articolo precedente

Uncategorized

Un matrimonio a tema Final Fantasy XIV? in Giappone lo potete avere e tutto organizzato!

Scritto da Luca Brajato

Articolo successivo  

Uncategorized, Videogiochi

Conferenza Nintendo, sicuramente la migliore di questo E3

Scritto da Mirko Midili

Send this to a friend