domenica, 18 Agosto 2019

Arte e Cultura, Romanzi, Uncategorized

Lo strano caso del Fantasy Mediterraneo

Genere emergente o Chimera?

Come ben sapete, il fantasy classico ha radici nella mitologia nordica, grazie soprattutto a Tolkien che con le sue opere “modernizzò” e rielaborò la letteratura epica anglosassone, vichinga e in parte cristiana. Bisogna anche notare che è stato proprio Il Signore degli anelli a risvegliare la cultura fantastica: sia dagli anni 50-70, sia negli anni 2000, con la distribuzione della versione cinematografica.

Durante questo secondo “risveglio”, si è dibattuto se per caso si potesse creare un fantasy più caratteristico dei Paesi dell’Europa meridionale in contrapposizione “alla via nordica” iniziata da Tolkien. E ciò avrebbe spaccato i lettori a metà, dato che c’è chi dice che “definire un fantasy per zona geografica non ha molto senso”, chi dice che non si è creato un filone abbastanza forte e caratteristico, altri dicono che sia possibile. Quindi cosa caratterizzerebbe il cosiddetto “Fantasy Mediterraneo“?


In sintesi, questo sottogenere dovrebbe fare focus sulla mitologia locale, antica e non. Pantheon greci, etruschi, romani, iberici, palestinesi, fenici ecc, qualsiasi cultura è ben accetta, a patto che sia della zona mediterranea. Ma allora anche Percy Jackson potrebbe essere considerato Med-fantasy? Nì, da una parte lo è perché il suo focus è sulla mitologia greco-romana, dall’altra no perché è in un contesto americano. Parlando di wargaming, Broken Legions è un esempio di fantasy di ambientazione mediterranea.

In Italia, abbiamo diversi esempi, come Gianluigi Zuddas (serie Amazon), Riccardo Coltri (La Caccia Selvaggia, Zeferina), Francesco Dimitri (Pan) Alessio Del Debbio (L’Ora del Diavolo, Quando Betta Filava), Andrea Atzori (saga di Iskida), Luca Tarenzi (Quando il Diavolo ti accarezza, Di Metallo e Di Stelle, God Breaker) e molti altri.


Personalmente ho letto alcune opere di questi scrittori e posso dire che strutturalmente parlando hanno il background mitologico e gli usi e costumi dell’ambientazione. Per il resto, possono essere di svariate sottocategorie, come l’urban fantasy, l’heroic fantasy ecc. Ad esempio, il romanzo “Zeferina” è un fantasy storico, ambientato durante la riunificazione d’Italia. Per fortuna nel piccolo ci sono delle case editrici che valorizzano il fantastico con background mitologico locale, come l’ormai defunta Asengard Edizioni, ora inglobata dall’Armenia Edizioni, NPS edizioni, Dark Zone, Gainsworth Publishing, Plesio Editore, ecc.


Il Med-Fantasy quindi potrebbe rappresentare una forma distaccata dalla “via nordica”? Può darsi, ma a parer mio bisognerebbe lasciare evolvere la letteratura fantastica italiana (ma anche degli altri Paesi) per sviluppare un maggiore rilievo nel mondo fantasy. Gli altri sottogruppi sono emersi proprio grazie al tempo e alla nascita di scrittori caratteristici di quel genere. Nel nostro Paese la vedo un po’ dura, ma visto il lento cambiamento avvenuto nel cinema e nel mondo videoludico, sono fiduciosa che un giorno il fantastico acquisterà man mano importanza.

To the Brig - Lo strano caso del Fantasy Mediterraneo


  Articolo precedente

Uncategorized, Videogiochi

Conferenza Nintendo, sicuramente la migliore di questo E3

Scritto da Mirko Midili

Articolo successivo  

Romanzi, Romanzi vario genere

Dieci uomini per dieci delitti

Scritto da Benedetta Di Sacco

Debora Parisi
Debora Parisi nasce a Torino nel 1996. Fin da piccola è sempre stata una divoratrice di libri e storie, tanto che chiedeva cinque fiabe prima di andare a dormire, con disperazione della povera mamma.A 9 anni partecipa al concorso Carla Boero, edito da Associazione Culturale Arcizeta di Chivasso, non riuscendo ad entrare tra i primi classificati, ma ottenendo comunque il premio d’esordio.Dopo non parteciperà ad altri concorsi. Studia cinese presso la facoltà di Lingue e Culture dell’Asia e dell’Africa.Gestisce un blog chiamato El micio racconta, dove interpreta il ruolo di un gatto magico, pantofolaio e amante dei libri, e un canale youtube intitolato Antro del Drago, che tratta di diversi argomenti, tra cui recensioni di libri, film e videogiochi. Collabora anche con la rivista letteraria Upside Down Magazine.

Send this to a friend