lunedì, 21 Ottobre 2019

Romanzi, Romanzi fantasy, Romanzi vario genere, Uncategorized

Malapunta: l’isola dei sogni divoratori

Sirene, divinità lovecraftiane e sogni psichedelici

Cut-up publishing mi ha regalato diverse storie impegnative e contorte, in primis il romanzo di Stefano Fantelli “Strane Ferite”, in cui il lettore veniva catapultato in vicende a metà tra realtà e delirio. Malapunta gli tiene concorrenza alla grande.

Il romanzo ha avuto un inizio burrascoso: fu pubblicato dalla defunta Edizioni XII e scritto sotto lo pseudonimo di Morgan Perdinka. Inutile dire che dietro tale nome si nascondesse Danilo Arona.


Dopo la chiusura della casa editrice, il libro fu pubblicato dalla Cut-Up Publishing, sotto il nome del vero autore.

malapunta cover 230x328 - Malapunta: l'isola dei sogni divoratori

La storia è un romanzo corale, con elementi centrali l’isola di Malapunta e i sogni. Come una specie di Silent Hill, l’isola chiama a sé anime irrequiete per condurle lentamente verso un triste destino.


Il nostro protagonista Nico Marcalli, ricco quarantenne ossessionato dal rimorso per la morte della giovane moglie in un incidente d’auto, per farsi dimenticare e morire lentamente devastato dal rimorso vive nella villa a strapiombo sul mare costruita dall’enigmatico Lord Taylor nel XIX secolo.

Ma su Malapunta, Marcalli comincia a fare strani sogni. Sogni che non gli appartengono.

Il gruppo di survivalist dei redivivi sta mettendo a punto insieme al professor Carlos Aztarain un esperimento legato a Malapunta e alle tecnologie della mente, dai risvolti imprevedibili. Per lo scienziato, forse, sarà il modo di comprendere perché la risonanza di Schumann – il “battito cardiaco” del pianeta – sta crescendo.

Cosa lega l’infelice Nico Marcalli alle sconvolgenti catastrofi naturali che stanno mietendo vittime in tutto il mondo? Chi altri vive, oltre a lui, sull’isola? Perché a Bucarest un giovane assassino chiamato l’orco delle fogne conosce alla perfezione l’isola e i suoi misteri?

Come dicevo prima, sogno e isola sono i veri protagonisti della storia: la prima attrae anime sventurate con il suo fascino selvaggio, proprio come farebbe una sirena, mentre il secondo offre di esplorare molteplici realtà, fino a “trascendere” l’esperienza umana.

L’isola e i sogni mostrano la parte più nascosta dell’animo umano, esponendolo in maniera nuda e cruda, e i personaggi questo lo sanno molto bene. Le sue atmosfere paiono un mix tra Silent Hill, il Signore delle Mosche e un pizzico de Pic Nick a Hanging Rock.

Vi sono anche riferimenti a Nightmare, in particolare il terzo capitolo, quasi a indicare la voglia di affrontare i propri demoni. Dopotutto, l’isola mette alla prova i suoi abitanti, costringendoli ad affrontare loro stessi.

I vari protagonisti sono ben caratterizzati, ognuno ha i suoi scheletri da nascondere così come fragilità emotive da rendere perfino il più brutale di loro un essere umano.

Ci sono ovviamente elementi fantastici, come il defunto culto druidico dell’isola, le bandree (creature inventate dall’autore), spiriti di donne vendicative ritornate sulla terra sottoforma di sirene. E sono proprio quest’ultime la rappresentazione delle paure più profonde dell’essere umano.

Le bandree hanno molteplici forme in tutto il mondo e hanno due lati: uno affamato di vita, in quanto vogliono ritornare a vivere, e uno di carne e sangue, a causa del loro spirito vendicativo.

Parlando della mia personale opinione di lettura, ho trovato la prima parte facile da capire, mentre dalle seconda la mia avventura ha preso una piega strana, come se mi fossi fatta un trip mentale senza assumere nessuna sostanza. Forse sarà a causa del fatto che l’ambiente onirico predomina nella narrazione, ma trovo che il romanzo non sia per tutti in quanto di lettura complicata.


In conclusione, se amate le storie cervellotiche, inquietanti e metafisiche alla pari de L’ultimo Kama, allora questo libro fa per voi. Malapunta è un romanzo a tratti delirante, a tratti riflessivo e a tratti inquietante, non di facile lettura, ma comunque rimane un’avventura interessante.

  Articolo precedente

Uncategorized

Polli VS Tonni, in una battaglia epica…per una pubblicità

Scritto da Luca Brajato

Articolo successivo  

Uncategorized

Fatevi predire anche voi il futuro da uno dei personaggi di Attack on Titan

Scritto da Luca Brajato

Debora Parisi
Debora Parisi nasce a Torino nel 1996. Fin da piccola è sempre stata una divoratrice di libri e storie, tanto che chiedeva cinque fiabe prima di andare a dormire, con disperazione della povera mamma.A 9 anni partecipa al concorso Carla Boero, edito da Associazione Culturale Arcizeta di Chivasso, non riuscendo ad entrare tra i primi classificati, ma ottenendo comunque il premio d’esordio.Dopo non parteciperà ad altri concorsi. Studia cinese presso la facoltà di Lingue e Culture dell’Asia e dell’Africa.Gestisce un blog chiamato El micio racconta, dove interpreta il ruolo di un gatto magico, pantofolaio e amante dei libri, e un canale youtube intitolato Antro del Drago, che tratta di diversi argomenti, tra cui recensioni di libri, film e videogiochi. Collabora anche con la rivista letteraria Upside Down Magazine.

Send this to a friend