sabato, 19 Settembre 2020

Videogiochi

5 videogiochi indie consigliati per superare al meglio questa quarantena

5 videogiochi indie consigliati per superare questa quarantena. I miei preferiti in pratica.

In questo periodo di quarantena mi sento di scrivere un articolo che possa aiutarvi a capire come passare alcune di queste lunghe giornate. Essendo io un grande estimatore dei videogiochi, non posso quindi che farvi qui una piccola lista dei 5 titoli indie che dovreste assolutamente recuperare. Che non solo, secondo il mio punto di vista, vi faranno passare alcune ore di svago, ma riusciranno anche a intrattenervi soprattutto emozionalmente.

Ho deciso di consigliarvi dei titoli indie in primis perchè hanno spesso un costo davvero esiguo e per chi in questo periodo è costretto a non poter lavorare, diciamo che spendere milioni in videogiochi forse non è indicatissimo. (Vi linko per ogni gioco il sito, affidabile, in cui lo potete trovare al prezzo più basso.) Inoltre sono giochi molto leggeri che qualsiasi PC può reggere, anche di fascia molto bassa. Portatili e non.
E ancora, perchè spesso sono dei giochi che vengono un po’ dimenticati, che escono in sordina e neanche si fanno notare quanto dovrebbero, perchè fidatevi, meritano.


indiemix2018 gabe - 5 videogiochi indie consigliati per superare al meglio questa quarantena

L’ordine dei giochi è puramente casuale, non è in alcun modo una classifica.

Il primo che sento di consigliarvi è: Dead Synchronicity. Un’avventura grafica vecchio stampo, sviluppata da Fictiorama Studios nel 2015. Nel gioco la terra è arrivata a quel tanto atteso futuro distopico in cui vari cataclismi ambientali hanno devastato il mondo e i suoi abitanti. Nessuno comprende quello che sta realmente accadendo, soprattutto dopo la conseguente apparizione di un spaventoso morbo che dissolve letteralmente i malati nei proprio letti di morte. Il protagonista è Michael, un giovane uomo, che ha perso la memoria, in cerca di risposte.


H2x1 NSwitchDS DeadSynchronicityTomorrowComesToday image1600w - 5 videogiochi indie consigliati per superare al meglio questa quarantena

La realtà in cui Michael vive è molto più complessa di quello che può sembrare. La complessità di temi che troviamo all’interno del titolo è qualcosa di mai visto prima. Elementi di vita quotidiana e “certezze” culturali si fondono con una rappresentazione distopica delle stesse. Le emozioni inoltre, sono garantite: un’atmosfera di angoscia e sfiducia permeano l’intera esperienza di gioco. Per citare gli sviluppatori: “distorsioni spazio-tempo, un’atmosfera distopica…e una trama cupa e macchiata di sangue.”

Lo trovate all’esiguo prezzo di 0,99€ (fino al 19 marzo) su Steam.

Se siete interessati ad un’analisi più dettagliata del gioco e delle tematiche che affronta, vi rimando al mio ultimo editoriale. Attenti! Contiene spoiler!!

Il secondo gioco che vi consiglio è Night In The Woods. Anche questa è una specie di avventura grafica, di nuova generazione. Con la possibilità di scelta in alcuni dialoghi e per determinate azioni e anche con la presenza di vari finali a seconda delle nostre decisioni. Sviluppato da Infinite Fall nel 2017. La protagonista del gioco è Mae, una gattina di circa 20anni che decide di abbandonare il collage per tornare nella sua città natale, Possum Spring, a casa dei suoi genitori. Non è strano che Mae sia una gattina, in questo universo sono tutti animali antropomorfi.

Una volta tornata in città si rimetterà in contatto con i suoi vecchi amici d’infanzia: Bea, una coccodrilla delusa dalla vita e sempre con una sigaretta in mano; Greg una volpe infantile nonostante l’età, impulsiva e incosciente, ma che sa essere un ottimo ascoltatore; e infine Angus, il fidanzato di Greg, un orso tranquillo, pacato, razionale e maturo, insomma l’opposto di Greg.
I tre iniziano ad indagare su alcune strane sparizioni che stanno avvenendo all’interno della città, in primis quella del loro amico Casey.

night in the woods la recensione up3c.1200 - 5 videogiochi indie consigliati per superare al meglio questa quarantena

In questo titolo è presente quel tocco di mistero, di investigazione, di giallo che riesce a installare in te quella curiosità necessaria per voler andare avanti. Ma quello che ancora una volta mi ha entusiasmato di più riguardo a questo gioco sono i temi affrontati. Riprendendo le parole di un giornale che lo ha recensito: “le tematiche passano dalla malattia mentale, alla depressione, la stagnazione sociale e lavorativa della bassa e media classe sociale e la lenta morte delle piccole realtà Americane.” Il tutto in un universo che ricorda i libri per bambini, con animali parlanti e colorati. Un contrasto funzionale e affascinante.

Lo trovate sul sito di chiavi G2A al prezzo di 14,95€ (dovete scendere un po’ sulla pagina). Unica pecca, non esiste in italiano, ma è in un inglese alquanto semplice.

Il terzo gioco è invece Distraint. Questa è una vera e propria avventura horror-psicologica a scorrimento in 2D e pixel art. Sviluppato da un solo uomo: Jesse Makkonen, un genio, nel 2015. Il protagonista è Price, una specie di esattore di tasse che pur di ottenere una più alta posizione all’interno della sua azienda espropria dalla sua abitazione, senza tanti scrupoli, un’anziana signora rimasta sola ormai da molti anni. Dopo questa azione inizierà un vero e proprio viaggio nella mente dell’uomo, in cerca e in contrasto di ciò che rimane della sua umanità.

DISTRAINT Deluxe Edition - 5 videogiochi indie consigliati per superare al meglio questa quarantena

Questo non è altro che un viaggio nei meandri delle complessità del cervello umano, dalle sue paure più profonde, alle sue sicurezze più vivide. La corsa contro il tempo di un uomo verso il recupero di un’umanità ormai quasi persa. Un percorso affascinante, pieno di insidie e metafore che lascerà il videogiocatore con una sensazione di smarrimento, incomprensione e angoscia. Ma alla fine dei giochi il messaggio sarà chiaro, ma soprattutto spaventoso.

Potete trovare l’edizione Deluxe al prezzo di 0,67€ su Steam.

j3byvgtjkk6scey7ugg1 390x400 1x 0 - 5 videogiochi indie consigliati per superare al meglio questa quarantena

Il quarto gioco che vi consiglio è This War Of Mine, un piccolo capolavoro sviluppato dalla 11BitStudios nel 2014. Protagonista delle mie live della domenica sul canale Twitch del Porto_Intergalattico (seguiteci, mannaggia a voi u.u). Nonchè anche elemento portante della mia tesina di quinta liceo. In questo titolo per la prima volta siamo messi nei panni dei civili durante un conflitto armato. Non rappresentiamo i soliti soldati super uomini lanciati in guerra, stavolta siamo soltanto delle persone innocenti che tentano di sopravvivere come possono, cercando provviste tra le rovine di case distrutte a causa di bombe e schivando i proiettili dei cecchini mentre proviamo a tornare a casa con il nostro bottino notturno.

Il giocatore viene completamente immerso nell’atmosfera di sopravvivenza che vivono i protagonisti della storia, che possiamo scegliere noi, tra una varietà di personaggi disparati: dalla donna incinta, all’ex soldato. Ognuno di loro è contraddistinto da particolari qualità e personalità e questo li porterà ad avere determinate reazioni a seconda di nostre determinate scelte. Decidere di uccidere un uomo per ottenere i suoi viveri potrebbe portare al suicidio per senso di colpa di uno dei nostri personaggi. Su questo noi non abbiamo controllo. Siamo allo stesso tempo Dio e credente. Abbiamo potere decisionale sui nostri personaggi e allo stesso tempo ci sentiamo di essere come loro a livello emotivo e mentale.

Se siete interessati a scoprirne di più, da un punto di vista anche psicologico, vi lascio qui sotto il mio articolo al riguardo.

Potete trovare la versione base di This War Of Mine sul sito di chiavi Instant Gaming, al prezzo di 2,59€.

E infine l’ultimo titolo è A Normal Lost Phone. Sviluppato da un team tutto al femminile: Accidental Queens nel 2017. Il concept di gioco è molto semplice. Troviamo per strada un cellulare, acceso. Nei paraggi non c’è anima viva. Raccogliamo il telefono e cerchiamo così di scoprirne il proprietario attraverso il contenuto. La schermata di gioco si presenta proprio come lo schermo di un telefono, è infatti consigliato giocarlo su cellulare, ma da PC va benissimo uguale. Il gameplay è semplice ed intuitivo e sono presenti vari piccoli enigmi per sbloccare sempre più contenuti del telefono.

Nonostante possa sembrare semplice a livello di trama, così non è. Il punto forte infatti di questo gioco è, oltre alle musiche, delicate ed emozionanti, proprio la trama, ricca di spunti e complessa. Una storia piena di sfumature in un mondo in cui niente e bianco o nero, a meno qualcuno non lo voglia vedere per forza così. I colpi di scena non si sprecano e alla fine del viaggio non potrete far altro che sentirvi sollevati e sereni.

Ancora una volta se siete interessati a scoprirne di più al riguardo, vi rimando al mio articolo. Attenzione!! Contiene spoiler!!!

Questo gioco lo trovate al prezzo di 1,37€ sul sito di chiavi G2A (anche qui dovete scorrere un po’ in basso la pagina per trovarlo).

So bene che tutti i giochi che vi ho consigliato, tranne l’ultimo sono caratterizzati da altissimi tassi di angoscia, forse non molto indicati in questo periodo. Ma insomma, io vi consiglio ciò che mi piace e ciò che mi ha colpito nella mia esperienza videoludica. Come dico sempre provare emozioni mentre si gioca ad un videogioco è la cosa più importante in assoluto. E non è tanto importante il tipo di emozione: bella o brutta, gioia o angoscia, ilarità o tristezza; l’importante è che sia un’emozione. In un momento di totale isolamento come questo, spurio di sensazioni ed emozioni a causa del mancato contatto umano, si ha bisogno di sentimenti forti che mantengano vivo il nostro spirito. O almeno, io la penso così.


Fatemi sapere se avete apprezzato l’articolo e anche se avete deciso di comprare uno o più giochi della lista. Spero di avervi allietato almeno un po’ e di avervi consigliato qualcosa che potrete apprezzare.

  Articolo precedente

Videogiochi

Amnesia Rebirth: un nuovo horror in uscita per l’autunno

Scritto da Debora Parisi

Articolo successivo  

Videogiochi

Peace Island: avete mai guardato il mondo dal punto di vista di un gatto?

Scritto da Luca Brajato

Luca Brajato
Appassionato della psiche umana unisco questo mio interesse alle altre mie passioni: videogiochi, anime e manga. Sono uno scrittore in erba alla continua ricerca di ispirazione.

Send this to a friend