martedì, 27 Ottobre 2020

Videogiochi

A Normal Lost Phone: il gioco che non ti aspetti

Un gioco che mi ha colpito per la sua profondità e che mi ha lasciato qualcosa

Immaginate di trovare un cellulare per strada, mentre passeggiate tranquillamente. Il telefono in questione non ha password d’accesso, potete quindi entrarci e vedere cosa contiene senza troppe limitazioni.

Che cosa fareste? Osservereste il suo contenuto oppure no? Cerchereste informazioni riguardo al proprietario o cancellereste tutto in preda ad un esubero di diritto di privacy per colui che ha perso il suo telefono?


Trailer del gioco

Bhe, a queste domande non possiamo dare risposte nette, poichè finchè la situazione non ci capita difficilmente riusciamo a dare una risposta veritiera. Detto ciò però, c’è un gioco, che potrebbe farci capire che tipo di persone siamo: “A normal lost phone“. In italiano significa: “un normale cellulare smarrito“, un telefono come gli altri, che non ha nulla di speciale eccetto per la storia che racconta.

Il titolo è stato sviluppato dal piccolo studio di produzione francese: Accidental Queens (già il nome è tutto un programma) formato inizialmente da tre sole donne. Il gioco è uscito il 26 gennaio del 2017 ed è disponibile per cellulare su Google Play o Apple Store, per PC su Steam e infine su Nintendo Switch da marzo dell’anno scorso.


screenshot ANLP1 - A Normal Lost Phone: il gioco che non ti aspetti
Una schermata di gioco

Io personalmente l’ho giocato su PC, ma giocandolo su cellulare vi sembrerà di scorrere tra le pagine del vostro reale telefono. Le varie schermate infatti sono sviluppate in verticale con all’interno tutto quello che caratterizza un cellulare: fotocamera, galleria, le varie app, la musica, ecc. Ci sarà inoltre permesso anche di ascoltare le musiche presenti all’interno del telefono, che ci faranno praticamente da colonna sonora. Un’ idea geniale che porta ad un nuovo e particolare livello di realismo ed immedesimazione.

300x0w - A Normal Lost Phone: il gioco che non ti aspetti
Un’altra schermata di gioco, una semplice chat di messaggi

Non mancano poi piccole parti di gameplay in cui dovremmo usare il nostro ingegno ed intuito per scoprire la password di alcune app: consultando messaggi, date importanti e così via. Per il resto invece il gameplay consiste semplicemente nel leggere messaggi, e-mail, guardare immagini, che ci raccontano una storia.

Questo telefono nasconde una storia complessa, una storia di ricerca di sè stessi, piena di ostacoli, paure ed insicurezze. Giocandolo mi sono permesso di entrare nella vita di qualcuno che non conosco, di scoprire ciò che gli è accaduto. Giocare questo titolo vuol dire attraversare un lungo percorso costellato da tantissime emozioni diverse, belle e brutte, ed è proprio questo che io cerco in un gioco. Questo difficile percorso si conclude però alla fine con la migliore fra tutte le emozioni: la serenità. Sì, perchè una volta arrivati alla fine del titolo, attraverso una scelta che siamo chiamati a fare possiamo ottenere (se facciamo la scelta soggettivamente giusta) la serenità e la sicurezza di essere state delle brave persone.

Una volta spento questo telefono ho sentito di aver vissuto una storia che non era la mia, mi sono sentito amico di una persona che non ho mai conosciuto, nonostante abbia vissuto il tutto attraverso uno schermo freddo. Una caratteristica quest’ultima, non facile da ottenere: riuscire a creare una forte empatia per una persona che non si è mai vista e che mai si vedrà di persona e che si è conosciuta solo attraverso immagini e messaggi.

packshot 7f1c6ae5c425563600574f247c117651 - A Normal Lost Phone: il gioco che non ti aspetti
“Hai appena trovato un telefono. Ora scopri la verità”

Il titolo tratta temi alquanto profondi, senza avere paura di dire le cose come stanno: è’ diretto e a tratti cattivo. D’altronde noi scopriamo la storia attraverso messaggi, e-mail, immagini, non è quindi la storia ad essere stata scritta così, sono semplicemente molte delle persone intorno al protagonista ad essere così: insensibili, dirette, spesso cattive. Noi siamo solo una presenza passiva che osserva una vita scorrergli tra le dita.


A Normal Lost Phone è un titolo originale e magnifico, un gioco che consiglio a tutti quanti, sia per le tematiche, sia per come vengono affrontate e raccontate. Una piccola perla da non perdere, che ci insegna che cos’è realmente l’empatia e a non dare mai niente per scontato.

  Articolo precedente

Videogiochi

Cuphead sarà giocabile all’interno delle auto Tesla: ora potremo smadonnare anche in macchina

Scritto da Luca Brajato

Articolo successivo  

Videogiochi

Eccoci presentata in un nuovo trailer la nuova fantastica regione Di Monster Hunter World presente nel DLC Iceborne

Scritto da Mirko Midili

Luca Brajato
Appassionato della psiche umana unisco questo mio interesse alle altre mie passioni: videogiochi, anime e manga. Sono uno scrittore in erba alla continua ricerca di ispirazione.

Send this to a friend