domenica, 18 Agosto 2019

Tecnologia, Videogiochi

Conferenza Bethesda: qualche emozione in mezzo a tanto nulla

Nella notte (almeno per noi europei) si è svolta la conferenza della Bethesda, che ci ha mostrato tutte le novità che avevano in serbo. Oddio parlare realmente di novità non ha esattamente senso, visto che la maggior parte delle cose mostrate erano semplicemente dlc o cose simili per giochi già usciti. Ma andiamo con ordine.

Si è iniziato parlando di Elder Scrolls: Blades, disponibile già da oggi anche su Switch. Certo non è esattamente l’annuncio che ci aspettavamo, anche perché Blades lo trovo non proprio il top dei giochi mobile, ma l’annuncio per Switch, sempre gratuito, non è male. Subito dopo ecco l’annuncio di nuovi aggiornamenti e DLC per Fallout 76. La Bethesda sta cercando in tutti i modi di portare al top un gioco che era stano annunciato come uno dei migliori giochi online di sempre ma che alla fine si è rivelato un flop. Hanno annunciato l’inserimento degli NPC umani con cui si potrà interagire in vari modi, come se avesse scoperto l’acqua calda, e tutti felici a urlare. Va bene così dai. Oltretutto il gioco sarà gratuito ovunque da oggi fino al 17 e sarà aggiunta anche una modalità Battle Royale. Si, anche qui.


Ed ecco la prima bomba. Ghostwire Tokyo, un nuovissimo gioco creato dalla Tango GameWorks fondata da Mikami, il papà di Resident Evil e The Evil Within. Qui vedremo il protagonista aggirarsi per la grande metropoli giapponese, in cui praticamente tutti sono svaniti improvvisamente (che centri Thanos?) e dovrà affrontare pericoli e nemici particolari. Non vedo l’ora di vedere qualcosa in più di questo titolo, dal poco mostratoci sembra veramente assurdo. Vorrei aggiungere che a mio parere la grafica di questo trailer è pazzesca.

Passiamo ad altre cose, per me, poco importanti. Ovvero un nuovo gioco mobile dal nome Commander Keen, un giochino che si rifà ad un vecchio videogioco per PC, che risulta comunque simpatico con uno stile cartoonesco, un buon passatempo. Poi aggiornamenti per The Elder Scrolls Legends e per The Elder Scrolls Online, che annuncia la fine della stagione del drago con tre nuovi DLC, che verranno rilasciati tutti entro la fine dell’anno. Annunci che non mi hanno lasciato nulla, poiché non faccio parte dei fan di questi giochi, ma sicuramente per gli appassionati queste sono delle ottime chicche. Oltre a questo ci è stato vedere un nuovo fantastico e divertente trailer per dei nuovi contenuti di Rage 2, ma per me nulla di che.


Passiamo a Wolfenstein, che tornerà sulle nostre console con due nuovi giochi. Uno sarà Cyberpilot, un gioco per VR che non mi sembra neanche particolarmente granché, mentre l’altro sarà l’atteso stand-alone creato con gli Arkane Studios chiamato Youngblood, con protagoniste due gemelle, ossia le figlie di
B.J. Blazkowicz che avranno il compito di ritrovare il padre uccidendo nazisti nella Parigi degli anni ’80. Oltre ad aver promesso il più grande arsenale con molti potenziamenti mai visto nella saga, il gioco avrà anche la possibilità di poter giocare con un amico. La data di uscita è prevista per il 26 Luglio.

Altro gioco che ho trovato molto interessante è stato Deathloop. Nel trailer possiamo capire che i protagonisti saranno due mercenari in continua lotta fra loro. La loro morte non sarà la fine ma solo un nuovo inizio, trascinandoli in un loop eterno. Gameplay particolare (almeno il poco che si è visto) e grafica molto carina. Sicuramente anche questo lo vorrò provare subito, con questa presentazione l’Arkane Lyon, sviluppatori del gioco, mi hanno convinto. Vorrei anche menzionare Orion, un software via cloud che aiuterà i giocatori ad ottimizzare lo streaming dei vari giochi indipendentemente dal dispositivo con cui si vorrà giocare e dalla rete che si ha a disposizione.

Passiamo alla presentazione finale, la presentazione che davvero tutti volevano vedere anche se l’uscita del gioco era già certa. Ecco Doom Eternal, nuovo titolo della tanto amata saga che torna in tutta la sua potenza, mostrandoci un corposo gameplay che sicuramente non ha lasciato delusi i fan. Inoltre è stata annunciata una modalità multiplayer, ossia la Battlemode, in cui fino a quattro giocatori potranno affrontarsi, usando due marine e due i demoni. Anche questo è uno di quei titoli che aspetto con molta ansia.

La delusione principale è stata la mancanza di The Elder Scrolls 6 e il misterioso quanto atteso Starfield, ma posso immagine che il non averne parlato significa che vedremo l’uscita di questi due titoli per la prossima generazione. Ora però è tempo di tirare le somme, questa conferenza è stata bella? Si e no, nel senso che qualche perla è stata tirata fuori ma in generale, contando il tempo a disposizione è stato fatto vedere pochino. Quello che mi piace delle conferenze Bethesda è l’anima. Ciò che intendo dire è che in quel piccolo mondo, in quella sala, sono tutti felici e si vogliono tutti bene. Gente che urla, gente che sorride. Proprio questa cosa mi piace molto, come anche i video con le interviste ai fan, ottima mossa. Tutto sommato quindi non è stata male, ma sicuramente poteva essere meglio.


E voi cosa ne dite? Gli annunci vi sono piaciuti?

  Articolo precedente

Videogiochi

Ma cosa cavolo ho appena visto? Ovvio, la conferenza Devolver Digital

Scritto da Luca Brajato

Articolo successivo  

Videogiochi

Square Enix convince i fan all’E3, fra remastered e remake

Scritto da Mirko Midili

Send this to a friend