venerdì, 19 Luglio 2019

Videogiochi

Cyberpunk 2077 e la sua incredibile inclusività: e brava CD Projekt

Il nuovo titolo di CD Projekt RED darà la possibilità ai giocatori di creare personaggi gender-fluid o transgender e questa è veramente una gran bella notizia

Cyberpunk 2077. Un titolo che ormai da qualche tempo, ma soprattutto grazie al trailer presentato all’E3 di quest’anno durante la conferenza Microsoft, fa parlare decisamente tanto di sè. Un videogioco di genere gioco di ruolo e action-adventure, creato dalle menti dietro alla saga di The Witcher: CD Projekt RED, casa di sviluppo polacca. Sappiamo che il gioco uscirà il 16 aprile dell’anno prossimo e l’hype è decisamente tanto.

Ovviamente però di questo titolo si è parlato bene ma si è parlato a volte anche male. In particolare qualche giorno fa sono state rilasciate sull’account Twitter ufficiale del gioco alcune immagini per mostrare la funzionalità del ray-tracing all’interno del titolo. Un’immagine mostrata in particolare ha destato fastidi nella comunità LGBTQ, sopratutto tra quelli rappresentati dalla lettera T: le persone transessuali.


Molti di loro hanno infatti ritenuto l’immagine offensiva a causa della presunta sessualizzazione della persona mostrata nell’immagine. L’immagine in questione, è questa qui sotto.

cyberpunk 2077 notizia 4 3 2 1 - Cyberpunk 2077 e la sua incredibile inclusività: e brava CD Projekt

Se notate bene al centro è presente una persona con fattezze tipicamente femminili ma con un pene di modeste dimensioni che si intravede dal body. Ecco, sinceramente io su queste presunte lamentele sulla sua sessualizzazione non sono d’accordo. Anzi la vedo come una cosa positiva.

Possiamo vedere che l’immagine è di una pubblicità di una bevanda, probabilmente un energy drink. In pratica hanno quindi deciso di inserire una, probabilmente ragazza transessuale, non binaria, o altro come volto per pubblicizzare il prodotto e la cosa si ferma qui. È una persona come un’altra che pubblicizza un prodotto. Sì, è vero, il membro è effettivamente un po’ accentuato, ma sapete cosa? Chissenefrega. Ormai siamo grandi e vaccinati vediamo cose del genere tutti i giorni. Magari la persona stessa ritratta è fiera della sua qualità e le piace mostrarlo. Questo non possiamo saperlo e per questo neanche criticare la scelta che a mio dire non ha nulla di male.


jpg - Cyberpunk 2077 e la sua incredibile inclusività: e brava CD Projekt
L’immagine dell’autore

L’autrice del disegno di questo poster: Kasia Redesiuk ha inoltre dichiarato in un’intervista che nel futuro distopico in cui è ambientato il gioco a causa delle megacorporazioni che controllano tutto, praticamente in ogni pubblicità è presente un soggetto sessualizzato: che sia la pubblicità di una sedia, di una bibita, di un tavolo. Per citarla: “sessualizziamo uomini, donne e tutti quelli che si trovano nel mezzo, per mostrare quanto questo sia terribile.” Quindi è un poster creato in gran parte anche per assecondare la scelta di trama che nulla c’entra con una possibile feticizzazione della transessualità. Qui potete trovare l’intervista completa in inglese.

Nonostante tutto però la CD Projekt ci ha comunque tenuto a far luce sulla questione.
Mateusz Tomaszkiewicz il quest director di Cyberpunk 2077, ha infatti dichiarato che sia lui che tutto il team che ha lavorato al titolo, sanno quanto questi temi riguardo la sessualità e l’identità di genere siano delicati e che quindi si sono impegnati ad inserirli nel gioco nel miglior modo possibile.

800px Cyberpunk 2077 - Cyberpunk 2077 e la sua incredibile inclusività: e brava CD Projekt

Proprio per questo motivo, il team di sviluppo sta lavorando nel dettaglio all’editor dei personaggi, che darà al giocatore tantissimi strumenti per una iperpersonalizzazione del proprio personaggio. Mateusz ci dice che per esempio avremo la possibilità di creare dei tratti del viso a nostro piacimento a cui solo in un secondo momento attribuiremo un sesso.

Marcin Iwinski, CEO di CD Projekt ha inoltre aggiunto che nella sua forma finale l’editor sarà completamente gender fluid, senza cioè essere ancorato a quelle obsolete definizioni di “maschio” e “femmina”. Sarà infatti possibile per esempio scegliere qualsiasi tipo di voce a nostro puro piacimento per il nostro personaggio.

8887d8bbfb - Cyberpunk 2077 e la sua incredibile inclusività: e brava CD Projekt

Insomma i nostri cari CD Projekt si sono e si stanno impegnando proprio al massimo per rendere il più inclusivo possibile questo meraviglioso titolo. E la cosa non può che rendermi ovviamente felicissimo, da doppio membro della comunità LGBTQ (rientro infatti nella lettera T e nella B).


Ormai siamo nel 2019, le cose sono diverse, più belle, più colorate, più sfaccettate ed affascinanti. Ognuno è libero di essere ciò che vuole sempre e comunque ed è bello vedere come anche i giochi vadano di pari passo.

  Articolo precedente

Videogiochi

Steam e i suoi scivoloni riguardo la coerenza

Scritto da Luca Brajato

Articolo successivo  

Videogiochi

Il gioco che ho amato ancora prima di giocarlo: The Last Of Us (recensione)

Scritto da Luca Brajato

Luca Brajato
Appassionato della psiche umana unisco questo mio interesse alle altre mie passioni: videogiochi, anime e manga. Sono uno scrittore in erba alla continua ricerca di ispirazione.

Send this to a friend