martedì, 10 20 Dicembre19

Videogiochi

Dreams: un gioco che merita tanto ma che per ora ha ottenuto poco

Risultati veramente inferiori rispetto alle aspettative dell’azienda. Dall’uscita dell’accesso anticipato del gioco ad oggi infatti gli acquisti sono stati veramente pochi.

Dreams di Media Molecule. Avete già sentito questi nomi? Probabilmente sì. Di questo videogioco infatti se ne è parlato veramente tantissimo, ormai da molto tempo, dal lontano 2017 quando ha avuto il suo primo annuncio.

Dreams - Dreams: un gioco che merita tanto ma che per ora ha ottenuto poco

Il titolo è stato annunciato come un gioco totalmente innovativo ed unico nel suo genere, un gioco che permette di creare altri giochi. Oltre alla storia principale infatti quello che offre questo titolo è un vero e proprio editor di creazione, con gli stessi strumenti (ovviamente semplificati) che utilizzano gli sviluppatori.


Ognuno può quindi creare la propria opera, a seconda della sua bravura ma soprattutto della sua creatività che qui trova la sua completa libertà.

Ora siamo nel 2019 e il gioco è ormai in accesso anticipato dal 16 aprile di quest’anno. Disponibile in esclusiva PS4 ad un ottimo prezzo di 29,99€. Questa versione non offriva ancora la storia principale ma il totale utilizzo dell’editor disponibile. Inoltre chi ha acquistato l’accesso anticipato avrà ovviamente diritto al gioco completo una volta uscito.
Insomma diciamo che tra il prezzo e le offerte del gioco l’offerta era veramente ghiotta.


Trailer dell’accesso anticipato

Peccato soltanto però che ad oggi, arrivati al 28 novembre 2019 gli acquisti totali sono stati soltanto 100.000, secondo i dati forniti da Abbie Heppe, communications manager della Media Molecule. Accessi questi, molto inferiori rispetto alle aspettative degli sviluppatori. Una brutta batosta possiamo dire.

A quanto pare il gioco per ora non ha avuto il successo che tutti si aspettavano, me in primis. Quando ho visto l’annuncio di questo gioco ho subito pensato che fosse qualcosa di bellissimo ed innovativo che permetteva una totale libertà creativa. Ho poi potuto vedere qualche gameplay dell’accesso anticipato e le immagini da me viste hanno confermato le mie idee riguardo al gioco. La possibilità di creare mondi, senza limitazioni, solo la propria fantasia.

Allo stesso tempo però, io per primo non ho acquistato l’accesso anticipato, nonostante l’interesse. Diciamo poi anche che nonostante se ne sia parlato spesso, alla fine il suo accesso anticipato è uscito un po’ in sordina e dopo un iniziale entusiasmo si è perso tra i meandri dell’universo videoludico senza destare più tanta attenzione nè clamore. Forse perchè alla fine non era quello che tutti si aspettavano, forse perchè mancava la storia principale che avrebbe convinto tanti a prenderlo.

Qui una demo dell’editor dall’E3 del 2018

Probabilmente in molti infatti vogliono prima osservare qualche recensione e gameplay di questa famigerata storia principale prima di comprare e non prenderlo a scatola chiusa, basandosi soltanto sull’idea dell’editor creativo.

Se ci pensiamo in effetti spesso i videogiocatori cercano semplicemente un videogioco con una bella storia da giocare, un gioco fatto e finito, poco interessati a passare del tempo a creare il proprio.

In ogni caso, forse i dati di vendita miglioreranno una volta che sarà uscito il gioco completo.

Per Dreams si parla poi inoltre di una versione per PC, approdo forse più logico rispetto ad una console. Si sa che mouse e tastiera per fare questo tipo di cose è più indicato.
Chissà magari se uscirà davvero per PC allora riusciranno ad ottenere il successo preventivato anche con un accesso anticipato.


Soltanto il tempo ce lo dirà. Sperando comunque che come gioco non cada completamente nel dimenticatoio, perchè racchiude comunque al suo interno una nuova idea di gioco e dietro alla sua realizzazione c’è davvero molto lavoro, spinto da tanta ispirazione e creatività.

  Articolo precedente

Videogiochi

Quando una meme diventa realtà…e anche di più

Scritto da Luca Brajato

Articolo successivo  

Videogiochi

Il colosso Tencent acquista l’ennesimo studio di sviluppo videoludico

Scritto da Luca Brajato

Luca Brajato
Appassionato della psiche umana unisco questo mio interesse alle altre mie passioni: videogiochi, anime e manga. Sono uno scrittore in erba alla continua ricerca di ispirazione.

Send this to a friend