venerdì, 24 Maggio 2019

Videogiochi

Figment, il gioco che racconta la mente, arriva su PS4

Un gioco che ci permette di esplorare il cervello umano attraverso un universo metaforico e affascinante

Figment è un gioco indie, sviluppato dallo studio di sviluppo danese Bedtime Digital Games. Il titolo è già disponibile su Switch (e su PC dal 2017 e io mi chiedo come abbia fatto a non notarlo! Mannaggia a me!) ormai da quasi un anno, la novità sta però nel fatto che uscirà finalmente su Play Station 4 il 14 maggio di quest’anno.

Per annunciare l’evento e dimostrare la propria felicità per questo grande passo gli sviluppatori hanno rilasciato un nuovo trailer di lancio.

Il trailer di lancio

Figment permette al giocatore di esplorare il subconscio umano, la mente nelle sue più complesse funzionalità. Troviamo nel titolo la principale divisione tra emisfero destro ed emisfero sinistro. Il primo essendo quello più creativo è rappresentato attraverso ambientazioni giocose e colorate, mentre il secondo adibito alla logica e alla razionalità è rappresentato da aeree complesse e ricche di meccanismi.

Io, da studente universitario della facoltà di Psicologia e da sempre affascinato dalla mente umana, non potevo chiedere di meglio. Molto spesso mi ritrovo alla ricerca di giochi che vadano a raccontare oggettivamente o metaforicamente traumi o funzionalità della psiche umana. Questa è infatti una caratteristica che cerco ossessivamente in praticamente tutte le opere a cui gioco, osservando attentamente ogni dettaglio del titolo per scoprire dove si nascondono i possibili riferimenti alla psicologia.

Figment - Figment, il gioco che racconta la mente, arriva su PS4
Il protagonista a sinistra

I titoli indie sono sicuramente quelli che alla fine mi danno più soddisfazione, che mi lasciano qualcosa su cui riflettere anche per giorni. Questo penso che fin’ora sia l’apoteosi di ciò che da sempre cerco: un titolo che rappresenta metaforicamente ma anche palesemente la psiche umana, il cervello nella sua struttura primaria, portandoci in un viaggio alla scoperta di noi stessi. Il tutto contornato da una grafica semplice ma dettagliata e da musiche incredibilmente belle ed emozionanti, scritte e cantante dall’autore danese Stöj Snak.

Un titolo che non vedo l’ora di giocare.

  Articolo precedente

Videogiochi

Tim Sweeney, fondatore di Epic Games lancia una nuova frecciatina a Steam

Scritto da Luca Brajato

Articolo successivo  

Videogiochi

Borderlands 3: si torna ad essere cacciatori della cripta

Scritto da Gianmatteo Petteni

Luca Brajato
Appassionato della psiche umana unisco questo mio interesse alle altre mie passioni: videogiochi, anime e manga. Sono uno scrittore in erba alla continua ricerca di ispirazione.

Send this to a friend