martedì, 26 Maggio 2020

Videogiochi

Halo 3 e il mistero degli omicidi delle Xbox (per creare i suoni di gioco)

Un video molto particolare, pubblicato da Matin O’Donnell ci permette di scoprire tante piccole e grandi curiosità riguardo al mondo dei suoni della saga di Halo

I suoni nei videogiochi spesso vengono creati allo stesso modo in cui viene fatto per i film. Il rumore di un osso che si spezza ci sembra incredibilmente reale, quando in realtà a farlo è un uomo che rompe a metà qualche gambo di sedano. E di esempi del genere ce ne sarebbero a bizzeffe. Insomma i rumori che sentiamo nei film, come spesso nei videogiochi sono delle mere illusioni, talmente ben concepite da sembrarci incredibilmente reali. Ditemi se questa non è magia.

E se vi dicessi che tra queste tecniche per creare suoni c’è ne una che comprende un’Xbox e la sua distruzione? Assurdo, lo so, ma a quanto pare era funzionale così. Non facciamoci troppe domande, lo sappiamo che nel mondo videoludico quel pizzico di pazzia non guasta mai.


4yh420ju96yz - Halo 3 e il mistero degli omicidi delle Xbox (per creare i suoni di gioco)

Ad usare questa speciale quanto stravagante tecnica è stato Martin O’Donnell, il compositore sonoro e musicale della serie di Halo, quando ancora lavorava alla Bungie Studios, ex casa di sviluppo della saga. Nel 2014 infatti è stato licenziato, a quanto pare in maniera poco professionale e legale, dato che dopo qualche tempo ha denunciato l’azienda e ha pure vinto, ottenendo, di diritto, centinaia di migliaia di dollari.
Attualmente lavora insieme all’ex designer di Halo e Destiny, Jaime Griesemer all’interno dello studio di sviluppo indipendente Highwire Games.

Chiusa questa triste parentesi torniamo al gioco dei suoni. Negli ultimi tempi Martin ha rilasciato sul suo canale Youtube ufficiale alcuni video riguardanti curiosità e dietro le quinte della produzione musicale della serie di Halo. L’ultimo da lui pubblicato riguarda nello specifico il capitolo di Halo 3, uscito nel 2007 per Xbox 360.


Se siete interessati alla parte di distruzione di Xbox passate direttamente al minuto 1:05

Questo speciale video permette di scoprire a fan e non tante piccole e grandi curiosità nascoste, tra cui anche appunto l’utilizzo e l’uccisione di alcune povere Xbox. Queste ultime sono state fatte cadere, graffiate e distrutte con un martello, per produrre determinati suoni all’interno del gioco. Fantasiosi modi per porre fine alla vita di una console, nel caso ne avreste mai bisogno.

All’interno del video però, della durata di circa 15 minuti possiamo trovare molti altri interessanti retroscena. Come per esempio il fatto che uno dei tecnici del suono ha utilizzato il rumore dei suoi passi, presi da una passeggiata sulla spiaggia durante la sua vacanza in Messico per simulare i passi dei soldati all’interno del gioco. Una vacanza produttiva, come si suol dire.

halo 3 xenia 696x392 - Halo 3 e il mistero degli omicidi delle Xbox (per creare i suoni di gioco)

E ancora, vengono mostrati alcuni stralci di momenti di doppiaggio effettuati da alcune celebrità che hanno prestato la voce a determinati personaggi del gioco. Possiamo citare: Ron Perlman, Nathan Fillion, Nolan North, Katee Sackhoff, Adam Baldwin, Terence Stamp, John DiMaggio, Jen Taylor e David Scully.


Io dopo aver scritto questo articolo sono ancora qui a chiedermi perchè abbiano proprio dovuto usare delle povere Xbox per fare quei determinati rumori, ma non sempre esistono delle risposte. Insomma, volete davvero dirmi che il suono prodotto è davvero così unico ed inimitabile? Forse no, semplicemente è divertente distruggere le cose e le console non fanno eccezione.

  Articolo precedente

Videogiochi

Microsoft conferma la retro compatibilità totale di Xbox Series X

Scritto da Luca Brajato

Articolo successivo  

Videogiochi

Intervista a Francesca Colombo, alias Fumiko, creatrice di Until September

Scritto da Debora Parisi

Luca Brajato
Appassionato della psiche umana unisco questo mio interesse alle altre mie passioni: videogiochi, anime e manga. Sono uno scrittore in erba alla continua ricerca di ispirazione.

Send this to a friend