sabato, 19 Settembre 2020

Tecnologia, Videogiochi

Harry Potter: Wizards Unite, impressioni e spiegazioni a caldo sul nuovo gioco della Niantic

E’ passato quasi un giorno intero da quando la nuova applicazione per smartphone targata Niantic è uscita sugli store di quasi tutti i telefonini in Italia, e molte persone hanno subito iniziato a fare magie con il loro telefonino. Io da amante di questo tipo di giochi non potevo assolutamente attendere, infatti controllavo quotidianamente nei giorni passati se fosse uscita o meno. Andiamo ora a parlarne generalmente, buttando giù qualche opinione personale.

Harry Potter:Wizards Unite è la versione magica di Pokémon Go, infatti dovremo andare in giro a salvare creature, oggetti e persone appartenenti al mondo della magia, che verranno chiamati smarriti, presi di mira dai soqquadri. Questi ultimi possono essere incantesimi oscuri, creature malvagie e quant’altro, che noi andremo ad affrontare con alcune magie. Le potremo lanciare disegnando un simbolo appartenente all’incantesimo in questione, e più saremo precisi e meglio andrà il tutto. Ovviamente ad influenzare la riuscita del nostro obiettivo sarà anche la difficoltà di ciò che dovremo affrontare.


harrypotter2 800x573 630x451 - Harry Potter: Wizards Unite, impressioni e spiegazioni a caldo sul nuovo gioco della Niantic

Una cosa che mi ha lasciato perplesso sono i punti magici che ci serviranno per scagliare gli incantesimi. Ne avremo 75 e saranno recuperabili tramite le locande (i pokéstop di PoGo) che ci daranno dai 3 ai 10 punti. Le cose da fare sono davvero molte e i punti a disposizione sono sempre troppo pochi. Avremo anche la possibilità di trovare oggetti in giro che ci saranno utili per creare varie pozioni che useremo durante le battaglie o per fermare i soqquadri. Troveremo anche dei semi che potremo piantare nelle serre sparse sulla mappa e dalla quale poi usciranno degli ingredienti non facili da recuperare altrimenti.

Una cosa molto diversa rispetto a Pokémon Go sono le fortezze. In teoria sono grossomodo simili alle palestre ma ovviamente non possiamo metterci nulla dentro. Praticamente da soli o in compagnia andremo a sfidare vari nemici, piano dopo piano, per prendere oggetti che possiamo trovare solo lì. A proposito di questo, tutte gli smarriti che andremo a liberare andranno a finire in una specie di album fotografico, e dopo ogni tot di punti ci si aprirà un piccolo baule. In questo gioco troveremo anche le passaporte, che grazie a delle chiavi e a un tot di km si potranno aprire. In pratica sono l’equivalente delle uova di Go.


Wizards3 - Harry Potter: Wizards Unite, impressioni e spiegazioni a caldo sul nuovo gioco della Niantic

Una cosa che mi è piaciuta è stata sicuramente la scelta della professione che vogliamo fare nel mondo magico. La scelta sarà infatti tre: Auror, insegnante ad Hogwarts e magizoologo. Una volta scelto cosa vogliamo fare iniziamo il nostro stage, che in pratica consiste, tramite alcuni oggetti che troviamo nel corso del gioco, a sviluppare alcune abilità specifiche. C’è ovviamente da sottolineare che ogni lavoro ha dei pro e dei contro, che non sto qui a specificare, ve lo spiegheranno meglio sull’applicazione.

Ok, dopo aver spiegatomolte cose fighe è tempo di lamentarsi, poiché alcune cose proprio non riesco molto a digerirle. Come ormai sappiamo, Niantic vuole i nostri soldi, ma in Ingress e in Pokemon Go la cosa non è così marcata. Qua ti chiedono monete per qualsiasi cosa. E non è neanche quello il problema maggiore, ma bensì il fatto che non è facile tirar su le monete che ci servono. Un’altra cosa che non mi ha fatto impazzire è la quasi totale inutilità del multiplayer. Certo puoi aggiungere persone, ma anche a fare le fortezze non potete lottare insieme, ma attaccare i nemici uno alla volta, singolarmente. Mi farebbe piacere poter realmente cooperare. Non mi faccio mai andare bene nulla, lo so. Ed è solo l’inizio, lo so, ma sinceramente speravo che prendessero i propri giochi come spunto per rendere questa app migliore fin dall’inizio. Aspetto senza dubbio nuovi aggiornamenti perché, seppur non felicissimo di alcune cose, il gioco mi piace un casino.

La nota sicuramente dolente è la durata molto limitata della batteria utilizzando questa applicazione. Poi per chi come me gioca a più di uno di questi titoli la situazione diventa assurda, ed è anche brutto non poter stare come si deve dietro a queste cose. Quindi il mio consiglio è, se riuscite, di giocare a tutto quello che più vi piace, altrimenti di fare una scelta, che forse è la cosa migliore. Io ovviamente continuerò per ora a giocare sia a Pokémon Go che a Wizards Unite, in futuro chissà.


Avete provato il gioco? Vi piace? Qualcosa non vi va a genio?

  Articolo precedente

Videogiochi

Atsushi Inaba non è entusiasta riguardo le console di nuova generazione…e forse fa bene

Scritto da Luca Brajato

Articolo successivo  

Videogiochi

Square Enix ed il desiderio di riportare in vita le serie storiche: è una buona scelta?

Scritto da Mirko Midili

Send this to a friend