mercoledì, 21 Agosto 2019

Videogiochi

Il Castlevania che Konami non sa (e che non vuole) fare

Uno dei miei generi preferiti di videogames sono i metroidvania.
Amo i videogiochi a 360 gradi e gioco e apprezzo quasi tutti i generi esistenti. Spesso anche nei titoli più sottotono cerco di trovare il lato positivo delle cose e mi è capitato raramente di abbandonarne uno.

Cerco di andare “fino in fondo” perché spesso dopo un inizio lento e noioso mi si apre un mondo e il gioco prende una piega che non mi aspettavo e anche perché mi sforzo di entrare nella mente di chi ha creato il progetto. Molto spesso ci dimentichiamo che dietro a questi prodotti ci sono
delle persone che hanno dato anima e corpo.


Ma cosa succede se è una software house ad abbandonare noi?
Konami da qualche anno si è mossa in direzioni non molto confortanti per noi players con alcune scelte discutibili che ormai conosciamo tutti.
A differenza di Capcom che ha riportato sotto ai riflettori i suoi migliori brand per farli brillare di una nuova luce (per citarne alcuni: Monster Hunter World, Resident Evil 2 e Devil May Cry V), Konami ha completamente abbandonato da alcuni anni le sue IP, come per l’appunto Castlevania.

Da molti anni i fan chiedono a gran voce il ritorno di un Castlevania in 2D, così lo storico sviluppatore del brand Koji Igarashi ha deciso di abbandonare lo studio e fondarne uno nuovo per realizzare il tanto atteso metroidvania che Konami non ha voluto realizzare, lanciandolo su Kickstarter e ottenendo ben cinque milioni e mezzo di dollari: Bloodstained: Ritual of The Night.


Il nuovo titolo uscito in questi giorni si presenta come l’erede spirituale del favoloso Castlevania: Symphony of the Night e come antipasto e per ingannare l’attesa hanno rilasciato anche Bloodstained: Curse of the Moon, gioco in 8 bit che migliora la formula dei classici che l’hanno ispirato.

Il trailer di lancio

Sembra di trovarsi davvero di fronte a un nuovo capitolo di Castlevania anche se il gioco resta accessibile eccezion fatta per la parte finale dell’avventura.

Non mi resta che giocare Ritual of the Night che ho atteso molto a lungo. E voi quale titolo aspettate da anni e che le software house non vogliono proprio darvi?


Bloodstained: Ritual of the Night è disponibile per PC, PS4, Xbox One e Nintendo Switch.

  Articolo precedente

Videogiochi

Che Capcom sia al lavoro su di una nuova espansione di Monster Hunter World?

Scritto da Mirko Midili

Articolo successivo  

Videogiochi

Nintendo 3DS sul viale del tramonto

Scritto da Domenico Maggiore

Send this to a friend