sabato, 30 Maggio 2020

Videogiochi

Intervista a Riccardo Bandera, fondatore della Curtel Games

Un tuffo nel retroscena di Ballad Singer.

Salve a tutti, oggi, come nostro ospite d’onore avremo Riccardo Bandera, uno dei fondatori della Curtel Games. Il primo gioco della società è Ballad Singer, influenzato dalle meccaniche di gioco dei librigame, ma con delle differenze. In pratica è un rpg visual novel dove potremmo personificare quattro personaggi.

Per chi non lo sapesse, i librigame sono, in un certo senso, gli antenati dei nostri rpg con finali multipli. I librigame presentano diversi percorsi che possono portare a diversi esiti in base alle scelte del lettore.


Ballad Singer, pur essendo uscito recentemente, sta riscontrando un buon successo. Ma bando alle ciance, sentiamo cosa ha da rivelarci Riccardo sul gioco.

ss ca690c6f4fa6813a9d75ffbd69b433febf93f104.1920x1080 960x540 - Intervista a Riccardo Bandera, fondatore della Curtel Games

1) Parlaci un po’ di te e degli altri membri dello staff.


Sono Riccardo Bandera ed assieme a mio fratello Edoardo ho fondato laCurtel Games nel 2017 dopo aver terminato gli studi. Abbiamo una strutturamolto flessibile e ciascun membro del team ricopre diversi ruoli a seconda delprogetto che andiamo ad affrontare. In generale io mi occupo di mantenere icontatti con il mondo esterno, della documentazione, del coordinamento del teame di tutte le attività che consentono agli altri membri del team di lavorare almassimo del potenziale.

2) Come è nato il vostro progetto? Perché proprio la scelta di un libro game?

L’idea è nata dalla volontà di creare un videogioco che avesse elementi semplici ma di qualità. Abbiamo prima creato un modello modulare per gestire lo sviluppo della storia dal punto di vista teorico per poi renderci conto che andava ad assomigliare molto ad un libro game. Gli appassionati di librigame noteranno alcune differenze rispetto alle normali esperienze di lettura/gioco in TBS.

3) The Ballad Singer, un nome interessante, come mai lo avete scelto? Vi siete ispirati alla figura del bardo e dei poemi cantati?

Abbiamo scelto il significato arcaico della parola “Ballad Singer” indicante il cantastorie, in quanto tutta l’avventura è integralmente narrata. Infatti abbiamo incluso oltre 40 ore di narrazione per ciascuna lingua.

4) Chi sono i personaggi del gioco? Personalmente a chi sei più affezionato? 

L’avventura segue le vicissitudini di Leon (mago), Ancalimo (assassino),Ancoran (ranger) e Daragast (bardo guerriero). È molto difficile scegliernesolo uno, personalmente mi piace molto Daragast come personaggio ma ancheAncalimo per tutte le sfaccettature che può prendere la storia.

5) È possibile che le scelte avvenute con un personaggio possano influenzare gli altri? Vi è una trama o lore comune?

Sì, abbiamo due modi in cui i personaggi possono influenzare i loropercorsi vicendevolmente. Attraverso le “scelte determinanti” ovvero decisionidel giocatore che vanno ad influenzare l’evoluzione del gioco in uno o piùpunti futuri e la morte di un personaggio. Quando un personaggio muore provocaspesso delle ripercussioni nella storia del personaggi successivo a seconda delpercorso narrativo.

mMaPpgWeRGqtJqkrPzFrXn 970 80 960x538 - Intervista a Riccardo Bandera, fondatore della Curtel Games

6) Come avete trovato il panorama del mercato videoludico in Italia? E quello degli sviluppatori italiani?

Il mercato in Italia non è particolarmente semplice, nonostante lalocalizzazione integrale in italiano registriamo comunque vendite moltosuperiori a livello internazionale. A livello nazionale e regionale non abbiamola possibilità di partecipare a particolari tipologie di finanziamento; l’unicaalternativa è quella europea. In Europa altri stati supportano molto meglioquesto settore che in Italia viene ancora stigmatizzato soprattutto a livellopolitico.

7) Qual è, secondo te, la parte più difficile nella creazione di un videogioco?

La parte più difficile, a mio avviso, è la pianificazione; essere in gradodi prevedere tutte le eventualità per avere meno problemi possibili in fase disviluppo. Come società di sviluppo indie, dobbiamo sfruttare al meglio la ristrettaquantità di risorse che abbiamo a disposizione.

8) Ultimamente vi è una riscoperta dei libri game, cosa ne pensate di questa rinascita?

Sono molto felice che i libri game siano tornati ad essere prodotti eletti. Si tratta comunque di una nicchia di mercato che deve vedersela conaltre forme di intrattenimento più moderne.

60 - Intervista a Riccardo Bandera, fondatore della Curtel Games

9) Quali sono i vostri progetti futuri? Avrete in mente videogiochi di generi e stili diversi?

Abbiamo in cantiere un paio di progetti che, se tutto va bene, annunceremo alla fine di questo anno o nel 2021. Si tratta sempre di videogiochi e sono sostanzialmente diversi da The Ballad Singer, per ora non posso dire di più!


E voi? Cosa ne pensate di Ballad Singer? Ci avete giocato? Fateci sapere la vostra esperienza.

  Articolo precedente

Videogiochi

L’E3 è sull’orlo della cancellazione, scopriamo i perchè

Scritto da Luca Brajato

Articolo successivo  

Videogiochi

Amnesia Rebirth: un nuovo horror in uscita per l’autunno

Scritto da Debora Parisi

Debora Parisi
Debora Parisi è una studentessa universitaria di giorno e cacciatrice di leggende e mitologie di notte. Da bambina arriva finalista al concorso Anna Bolero, diretto dall'Associazione Culturale Arcizeta di Chivasso. Nel 2019 ha pubblicato racconti per Historica Edizioni, NPS edizioni, Fanucci e Mezzelane Editrice. Gestisce un blog chiamato El micio racconta, un canale youtube intitolato Antro del Drago, che tratta di diversi argomenti, tra cui recensioni di libri, film e videogiochi. Collabora anche con le riviste Upside Down Magazine e Porto Intergalattico, ha collaborato anche con Sci-Fi Pop Culture e Spazio Penultima Frontiera.

Send this to a friend