sabato, 18 Gennaio 2020

Videogiochi

La saga di Metal Gear è stata creata dai servizi segreti americani per condizionare tutto il mondo? Secondo il ministro della difesa russo sì

Ogni giorno ne accade sempre una nuova. Certe volte neanche ci si crede che alcune notizie siano vere proprio perché davvero irreali, come in questo caso. Secondo Andreï Kartapolov, ministo della difesa russo, la famosissima saga di Metal Gear è stata creata dai servizi segreti americani per condizionare mentalmente miliardi di giovani che grazie al videogioco inizieranno a ribellarsi e provare odio verso le autorità.

Tutto ciò è stato detto durante una tavola rotonda ufficiale tenutasi alla Duma di Stato (una camera dell’Assemblea Federale della Federazione Russa), quindi non è un discorso uscito col nipotino per farlo stare lontano dai videogiochi. Sinceramente a sentire certe parole in diretta sarei sicuramente esploso in una sonora risata con conseguente accompagnamento alla porta da parte di qualche soldato.


metal gear solid 3 960x559 - La saga di Metal Gear è stata creata dai servizi segreti americani per condizionare tutto il mondo? Secondo il ministro della difesa russo sì

Diciamo prima di tutto che il primo Metal Gear non è uscito proprio ieri, ecco. Sono passati ormai 32 anni da quando il gioco vede la luce su MSX2, se invece stiamo a vedere i Solid, il primo è uscito in Europa ormai venti anni fa. Sembra stranissimo che così, di punto in bianco, venga fuori l’idea che il gioco sia creato con motivazioni sinistre. Oltretutto chi ha giocato ai capitoli della saga credo non abbia sviluppato nessun particolare odio verso le autorità, ma magari mi sbaglio io. Penso questo perché udite udite: è semplicemente un videogioco! Come dissi in passato non sono le opere a formare male caratterialmente e ideologicamente le persone, ma un sacco di altre cose.

Mi chiedo se effettivamente il signor Kartapolov abbia mai giocato ad un Metal Gear (visto che oltretutto il gioco è nato in Giappone, non negli USA), o se almeno abbia mai giocato ad un videogioco. E sono davvero curioso di sapere perché son state dette certe cose su questo insieme di titoli a distanza di diversi anni dall’uscita dell’ultimo capitolo, anche se capisco non gli vada bene il fatto che i sovietici non sono visti benissimo nel gioco (anzi per nulla, ma non capisco comunque il motivo di pensare ad una macchinazione degli USA proprio ora). Non penso comunque che i videogiochi in Russia arrivino con venti anni di ritardo. Aspetto assolutamente una risposta da parte di qualcuno, anche se replicare, alla fine, non serve neanche a molto.



Cosa ne pensate? Credete che possa avere in qualche modo ragione?

  Articolo precedente

Videogiochi

ID@Xbox fa un tuffo a Milano

Scritto da Gianmatteo Petteni

Articolo successivo  

Videogiochi

La psicologia nei videogiochi: What remains of Edith Finch

Scritto da Luca Brajato

Send this to a friend