domenica, 25 Ottobre 2020

Videogiochi

Pronti ad essere catapultati nell’inferno più figo che esista in Afterparty?

Il nuovo titolo dello Night School Studio, sviluppatore di Oxenfree è in arrivo il 29 ottobre e sarà ambientato in una versione dell’inferno mai vista prima

Che idea avete dell’inferno? Un posto angusto e spaventoso, dove demoni inferociti si divertono con fantasiose punizioni? Diciamo tipo un inferno di Dante. Oppure ve lo immaginate come un luogo normalissimo, simile al nostro mondo in cui però siete condannati a vivere e rivivere una situazione della vostra realtà che avete sempre odiato? Diciamo nello stile della 3 stagione di American Horror Story. E invece, qualcuno di voi lo immagina forse come un luogo in cui ci si diverte, bighellonando in giro con demoni e spiriti, tra una locanda e l’altra? Bhe allora questo sarebbe nello stile del nuovo gioco degli sviluppatori di Oxenfree dal titolo: Afterparty.

Lo studio di sviluppo Night School Studio ha finalmente rivelato la data di uscita del suo nuovo titolo, in programma per il 29 ottobre per PS4, PC e Xbox One. Più avanti sarà disponibile anche per Nintendo Switch. Mai periodo fu più azzeccato. Infatti per un gioco ambientato all’inferno quale migliore periodo per uscire se non a ridosso di Halloween?


Teaser trailer del gioco

Afterparty come il precedente Oxenfree è un gioco basato sulla storia che cambierà in base alle varie scelte del giocatore.
I protagonisti sono Milo e Lola – potrete switchare tra i due in qualsiasi momento vogliate – che si ritrovano, senza sapere come, intrappolati all’inferno. Nonostante qui l’inferno sia come un party senza fine, in cui si può bere e cazzeggiare (perdonate il francesismo) i due vogliono disperatamente tornare a casa. Per farlo però c’è un solo modo: bisogna battere Satana in una gara di bevute. Sì, sì, direi che è molto da Satana.

Ovviamente il tragitto per arrivare all’accogliente casa di Lucifero non è breve. Durante il percorso infatti ci si potrà imbattere in molte figure simpatiche come demoni o anime di persone condannate, che convivono con i propri problemi. Tipo l’essere all’inferno, insomma le classiche preoccupazioni della vita quotidiana. Questi abitanti dell’oltretomba potranno regalare ai protagonisti nuove quest da completare e decisioni da prendere.


Un po’ di gameplay

Potremo inoltre fermarci a fare una bevuta proprio con questi nostri nuovi amici in uno dei tanti bar presenti all’inferno. Ogni drink disponibile, altererà uno dei vari status dei personaggi protagonisti. Con alcuni si diventerà per esempio, più aggressivi, in questo modo si potrà essere più convincenti e cattivi durante una lite. L’unico consiglio che Adam Hines, co-fondatore dello studio, ci dà è quello di non bere troppo. “Se bevi troppo e ti ubriachi, vomiterai la tua coscienza.” Non metaforicamente, cioè, sul serio: “la coscienza è un piccolo personaggio che (se vomiti) dovrai rincorerre in giro per recuperarlo. Finchè non lo recupererai ogni scelta che farai sarà terribile, egoista e narcisista.” Che cosa super bella. Insomma, non potete proprio negare che sia una scelta di gameplay geniale. Regala al titolo una punta di fascino, novità e divertimento che sicuramente non guasta. Poi mi sembra incredibilmente azzeccata come scelta data l’ambientazione.

header - Pronti ad essere catapultati nell'inferno più figo che esista in Afterparty?

Poi, come in ogni gioco story-driven che si rispetti, in dipendenza delle proprie scelte le relazione tra i due protagonisti potrà cambiare, come anche la prospettiva su quale sia la soluzione migliore per arrivare alla fine della loro avventura. “Riusciranno a scappare dall’inferno? Alla fine, vorranno davvero scappare da lì, anche se in realtà si stanno divertendo?” ha scritto il co-fondatore dello studio di produzione Sean Kreakel in un blog post di Xbox Wire.

E voi? Cosa decidere di far fare ai vostri protagonisti? Se ci pensate su, voi invece che cosa fareste? Scappereste da un’inferno così bello oppure no?


Sicuramente comprerò il gioco appena lo troverò ad un buon prezzo e non vedo proprio l’ora di scoprire che cosa mi aspetta in questo inferno così caciarone. E Satana? Oddio (…) chissà come sarà figo.

  Articolo precedente

Videogiochi

The Last Of Us Parte II: scopriremo qualcosa di più nello State Of Play di settembre

Scritto da Luca Brajato

Articolo successivo  

Tecnologia, Videogiochi

Un viaggio fra storia e ricordi: Tanti auguri Nintendo!

Scritto da Mirko Midili

Luca Brajato
Appassionato della psiche umana unisco questo mio interesse alle altre mie passioni: videogiochi, anime e manga. Sono uno scrittore in erba alla continua ricerca di ispirazione.

Send this to a friend