mercoledì, 21 Agosto 2019

Videogiochi

Trump contro i videogiochi violenti, ma questa “battaglia” ha senso?

Negli ultimi giorni si parla in particolare di una cosa di cui in realtà si discute da praticamente decenni, ossia di quanto la violenza presente nei videogiochi possa far impazzire e deviare i giovani, portandoli a compiere stragi e quant’altro. Ovviamente la discussione parte dall’America, posto in cui puoi comprare armi a momenti anche dal giornalaio, ed in particolare a smuovere la critica è stato proprio l’attuale presidente degli Stati Uniti, Donald Trump.

Infatti a seguito di varie sparatorie nel corso degli anni, è uscito fuori (nuovamente, come accade ogni volta) che la colpa è dei videogiochi. Ogni volta che accade qualcosa, ma in tutto il mondo, la colpa deve sempre essere data a qualche media in generale, senza riuscire a puntare il dito contro qualcosa di più plausibile. Io sono ovviamente ignorante in materia, non ho studiato psicologia o cose simile, ma riguardo a questa situazione ho un pensiero, anche legato a studi scientifici che rafforzano le mie idee.


gta v 0 960x540 - Trump contro i videogiochi violenti, ma questa "battaglia" ha senso?
Gta V è uno dei giochi maggiormente criticati negli ultimi anni

Io credo che dare la colpa ai videogiochi, o in generale a qualsiasi media (vi vorrei ricordare i libri bruciati in Polonia, ad esempio) per qualsiasi cosa brutta che capita è assolutamente sbagliato. Se qualcuno decide di compiere azioni gravi, è semplicemente perché nella sua vita ha avuto varie problematiche che lo hanno spinto alla pazzia, fino ad arrivare a compiere insani gesti. Certamente la visione di qualcosa di specifico può alimentare fantasie strane, ma non va negato l’uso di videogiochi a chiunque o quant’altro, ma bensì va offerta una mano a chi ne ha bisogno. Sopratutto da alcuni genitori che se ne fregano completamente dei propri figli (ma una piccola percentuale, ovviamente).


Anche perché il male esiste da sempre, anche da prima della tecnologia. Non stiamo parlando quindi di qualcosa sviluppato solo ora. Dare la colpa a certe cose è solo una scusante. Certo, chi non è abituato a conoscere il mondo nerd può pensare male, ma noi sappiamo bene che tutte queste cose non sono nocive, ma magari mi sbaglio io. Per fortuna comunque tutta la community di videogiocatori si è unita contro le parole di Trump, come accade ogni volta. Vediamo come andrà avanti la situazione, se qualcosa cambierà in bene o in male. Nel caso vi prego di dire la vostra, sono davvero curioso di sapere cosa ne pensate.


  Articolo precedente

Videogiochi

Ubisoft non ha abbandonato Sam Fisher

Scritto da Domenico Maggiore

Articolo successivo  

Videogiochi

Quando la “censura” di videogiochi violenti arriva al ridicolo

Scritto da Luca Brajato

Send this to a friend